VIIª DOMENICA DI PASQUA e Santi Agostino Yi Kwang-hon, Agata Kim Agi e compagni Martiri

Atti 1, 9a. 12-14; 2 Corinzi 4, 1-6; Luca 24, 13-35

Ci viene presentato il brano evangelico dei due discepoli di Emmaus che allude chiaramente («si aprirono i loro occhi e lo riconobbero. Ma egli sparì dalla loro vista») ad una forma di presenza di Cristo diversa dalla “visione oculare” e sostanziata invece dalla realtà ecclesiale eucaristica che diventa la “forma tipica” dell’incontro con il Signore nel tempo successivo all’Ascensione: il Signore davvero risorto è presente nella vita di ogni giorno, nella S. Scrittura, nell’Eucaristia. La fede nel Signore risorto è piena e completa, quando si esprime in comunione con Pietro, con gli altri Apostoli, con il Papa e i vescovi di adesso. E’ il momento della missione che ha alle spalle la ricerca, la parola, la solidarietà, il pane, la comunione ecclesiale. Il cammino dei due discepoli di Emmaus è il nostro cammino di cristiani oggi.
Al Vangelo di Luca si accostano due brani: la lettera di Paolo afferma che il suo compito di apostolo (e quindi di ogni discepolo) non è quello di annunciare se stesso, ma «Cristo Gesù Signore». I cristiani di ogni tempo sono chiamati non a predicare se stessi, ma Cristo Signore, che con il dono dello Spirito Santo porta la libertà. Essi sono così i servitori di ogni uomo per amore di Gesù. La prima lettura tratta dagli Atti registra l’atteggiamento degli Apostoli e di ogni cristiano di ogni tempo in attesa, dopo l’Ascensione di Gesù al cielo, del dono dello Spirito e di una sua continua effusione. E’ un’attesa trascorsa nella preghiera che li raccoglie con Maria e con gli altri discepoli nel luogo della Cena. Anche ora lo Spirito Santo, la cui presenza è il segno del discepolo di Cristo, deve essere implorato come dono di grazia.

Da Franco Cecchin, “A ciascun giorno la sua Parola - Anno A",  pagg.193-196, Àncora, Milano

 

 

 

Santi Agostino Yi Kwang-hon, Agata Kim Agi e compagni Martiri   

m. 1839

Martirologio Romano: A Seul in Corea, santi martiri Agostino Yi Kwang-hŏn, nella cui casa si leggevano le Scritture, Agata Kim A-gi, madre di famiglia, che ricevette il battesimo in carcere, e sette compagni, i quali furono tutti insieme decapitati per la loro fede in Cristo.

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

1 Giugno 1495 il frate John Cor registra il primo lotto conosciuto di scotch whisky.

Social

newTwitter newYouTube newFB