Sant'Abbondio

Mansionario della basilica di San Pietro in Vaticano, santo. I Dialoghi di san Gregorio Magno sono l'unica fonte che ci parli di lui, senza tuttavia precisare l'epoca in cui visse. Nei codici il suo nome compare nelle varianti Acoitius, Agontius, Habundius, e la sua morte è stata universalmente, quanto arbitrariamente, posta nell'anno 564.

San Gregorio lo descrive come uomo di grande umiltà e di tale dignità nell'adempimento del divino servizio, che lo stesso apostolo Pietro volle dimostrare con un miracolo quanta considerazione avesse per lui.

Narra, infatti, san Gregorio che un giorno una fanciulla paralitica, mentre si trovava nella basilica e trascinava per terra le sue membra inerti cercando di sostenersi sulle mani, invocò insistentemente la guarigione dal beato Pietro. E questi una notte le apparve in sogno ordinandole di recarsi da Abbondio per ottenere la guarigione.

Tornata nella basilica e imbattutasi nel mansionario, la fanciulla gli narrò la miracolosa visione ed Abbondio, presala per mano, la restituì alla sanità primitiva. Fin qui il racconto di san Gregorio. Il clero della basilica di San Pietro in Vaticano celebra la festa di Abbondio il 15 Aprile.

 

 

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

19 Giugno 1324 nasce il Regno di Sardegna e Corsica

Social

newTwitter newYouTube newFB