Lecco, 02 settembre 2019   |  

Ville Aperte in Brianza: 38 beni aperti nel lecchese

Per tre fine settimana 150 beni pubblici e privati delle Province di Monza e Brianza, Lecco, Como e Varese saranno fruibili dal pubblico

ville aperte 5

Nei tre fine settimana dal 14 al 29 settembre, con alcuni eventi speciali nel weekend del 5-6 ottobre, Ville Aperte in Brianza torna anche quest’anno con una ricca proposta di visite guidate al patrimonio culturale del territorio della Brianza monzese, lecchese, comasca e della provincia di Varese.

La rassegna, giunta alla 17^ edizione, è promossa e coordinata dalla Provincia di Monza e Brianza, in collaborazione con le Province di Lecco, Como e di Varese.

La Provincia di Lecco, che partecipa a Ville Aperte in Brianza dal 2012, ha confermato la collaborazione con la Provincia di Monza e Brianza, invitando ad aderire i proprietari di beni culturali del territorio lecchese, supportandoli nelle diverse fasi di realizzazione dell'iniziativa.

L'obiettivo è far conoscere e valorizzare le ricchezze del territorio, inserendole in un'ampia e pregevole rete di beni visitabili, di itinerari e di eventi. Con questa iniziativa la Brianza, famosa per le ville di delizia, ritrova la sua originaria unitarietà culturale oltre i confini amministrativi.

Il trend in continua crescita dei visitatori registrati nelle ultime edizioni costituiscono un indubbio successo che dà credibilità al modello di Ville Aperte in Brianza.

Nei tre fine settimana 14/15 settembre, 21/22 settembre, 28/28 settembre 150 beni pubblici e privati delle Province di Monza e Brianza, Lecco, Como e Varese saranno fruibili dal pubblico. Sono inoltre previste ulteriori aperture in alcune location nel fine settimana 5/6 ottobre.

In provincia di Lecco sono coinvolti 23 soggetti pubblici e privati che apriranno le porte della cultura con 38 beni fruibili da visitatori desiderosi di conoscere alcuni dei più significativi siti storico-artistici del territorio lecchese. Il ricco patrimonio della Brianza lecchese con ville, parchi, giardini, chiese e dimore storiche, in numerosi casi chiusi al pubblico, aprirà i battenti deliziando i visitatori.

L’iniziativa prevede le tradizionali visite guidate ed eventi culturali che spaziano tra arte, teatro, musica e molto altro ancora, strettamente connessi alla valorizzazione del patrimonio culturale lecchese. Dopo il successo delle passate edizioni, Villa Monastero di Varenna, gioiello inestimabile del territorio provinciale, è stata inserita tra i beni visitabili, anche se non appartiene all’area della Brianza, così come, novità di questa edizione, l’Orrido di Bellano, gola naturale in cui è possibile percorrere un breve tratto utilizzando delle passerelle infisse nella roccia.

“La collaborazione con la Provincia di Monza e Brianza - commenta il Vice Presidente della Provincia di Lecco Bruno Crippa, intervenuto alla presentazione dell’iniziativa - rileva un grande interesse condiviso dalle istituzioni coinvolte per dar vita a iniziative culturali per conoscere e apprezzare beni e luoghi a noi più vicini. Proprio per questo è importante sostenere il progetto Ville Aperte in Brianza per valorizzare il nostro patrimonio storico-artistico e paesaggistico. Ringrazio gli enti pubblici e i privati che si sono messi in gioco per la realizzazione di questa progettualità, in particolare la Provincia di Monza e Brianza che, ancora una volta, grazie a un lavoro di squadra e di rete, ci ha permesso di condividere questa iniziativa di forte impatto culturale e di valorizzazione del patrimonio culturale locale”.

Di seguito l’elenco dei siti aperti nel territorio lecchese (in grassetto le novità del 2019):

 

ABBADIA LARIANA

Civico Museo Setificio Monti

ANNONE DI BRIANZA

Chiesa Parrocchiale

Villa Giani

Sant’Ubaldo alla Fornace

Villa Cabella

BELLANO

Orrido

CASATENOVO

Chiesa di Santa Giustina

Chiesina di Santa Margherita

Villa Mapelli Mozzi

Villa Greppi di Bussero

CASSAGO BRIANZA

Cittadella Agostiniana

Mausoleo Visconti di Modrone

Itinerario cittadella agostiniana

CIVATE

Complesso Romanico di San Pietro al Monte

Complesso di San Calocero

Casa del Pellegrino

CREMELLA

Villa del Bono

GALBIATE

Giardini di Villa Bertarelli

GARBAGNATE MONASTERO

Chiesa dei Santi Nazario e Celso

GARLATE

Civico Museo della Seta Abegg

LA VALLETTA BRIANZA

Oasi di Galbusera Bianca

MERATE

Villa Confalonieri

Gipsoteca (Fondazione Giuseppe Mozzanica)

Convento di Sabbioncello

MISSAGLIA

Villa Sormani Marzorati Uva

MONTEVECCHIA

Santuario Beata Vergine del Monte Carmelo

Villa Agnesi Albertoni

Villa Vittadini

MONTICELLO BRIANZA

Villa Greppi (Consorzio Brianteo Villa Greppi)

OGGIONO

Villa Sironi

Itinerario l’Oggiono di Marco, allievo di Leonardo (Casa natale di Marco D’Oggiono e Chiesa di Sant’Eufemia)

OLGIATE MOLGORA

Villa Sommi Picenardi

PADERNO D’ADDA

Santuario della Madonna della Rocchetta

SANTA MARIA HOE’

Villa Semenza

SIRTORI

Villa Besana

VALMADRERA

Centro Culturale Fatebenefratelli e Orto Botanico

VARENNA

Villa Monastero

VERDERIO

Chiesa dei Santi Giuseppe e Floriano

 

 

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

19 Settembre 1783 i fratelli Montgolfier presentano l'aerostato detto "ad aria calda" che viene innalzato alla presenza del re Luigi XVI, nei giardini di Versailles. L'aerostato prende poi il nome di mongolfiera.

 

Social

newTwitter newYouTube newFB