Monticello, 21 ottobre 2018   |  

Villa Greppi: pronto a partire un nuovo anno di “Residenze d’artista”

Le due residenze annuali sono andate a Roberto Picchi e Simona Sanvito

Presentazione artisti 2019

Roberto Picchi e Simona Sanvito - in arte Vera Pravda - per le due residenze annuali rivolte ad artisti del territorio, mentre sono in arrivo da diverse aree d’Italia Carlo Mangolini, Maddalena Granziera e Claudio Beorchia, artisti che soggiorneranno per due mesi ciascuno all’interno della foresteria posta all’ingresso del Parco di Villa Greppi. Sono loro i vincitori del bando 2019 di “Residenze d’artista”, il progetto promosso dal Consorzio Brianteo Villa Greppi con l’intento di destinare alcuni degli spazi della Villa di Monticello Brianza all’accoglienza di artisti, pronti a lavorare all’interno di un atelier suggestivo e speciale.

Dopo un anno in compagnia di Federica Ferzoco e Leonardo Prencipe, ora è la volta di cinque nuovi nomi: artisti che sono stati presentati al pubblico nel pomeriggio di sabato 20 ottobre e che, pur con approcci molto diversi, hanno in comune la sensibilità nei confronti del tema ambientale.

«Le Residenze d'artista – commenta Marta Comi, Presidente del Consorzio Brianteo Villa Greppi – per noi sono l'esempio più concreto di come si possa recuperare il patrimonio immobiliare di Villa Greppi per farlo rivivere con l'arte. Riportiamo tra le mura di un luogo che appartiene alla nostra storia la cultura che vive, che sperimenta. Questo è l'obiettivo per il quale stiamo lavorando e che già vede qualche risultato concreto».

«Per il 2019 – aggiunge Simona Bartolena, critica d’arte e consulente per le arti visive del Consorzio Brianteo Villa Greppi – la scelta è caduta su artisti tra loro molto diversi ma che hanno un elemento comune: una certa sensibilità per la questione ambientale. Le loro proposte hanno convinto la commissione scientifica anche per la dichiarata volontà di scoprire e interpretare la zona in cui vivranno e opereranno, dialogandovi. Il secondo anno delle residenze di Villa Greppi pare, quindi, particolarmente interessante: la presenza – continua – di artisti provenienti da zone distanti d'Italia, oltre che sollecitare il dialogo con gli artisti locali, offrirà l'occasione ai fruitori delle attività di Villa Greppi di avvicinarsi all'arte in modo diretto e approfondito, scoprendo – conclude – nuovi linguaggi e diverse forme espressive».

ROBERTO PICCHI – Roberto Picchi è una “vecchia conoscenza” delle Residenze, perché già nella precedente edizione si era fatto notare con un progetto degno di nota, che gli aveva fatto vincere un premio speciale della commissione giudicatrice. L’opera realizzata nel 2018 è stata esposta tra settembre e ottobre nel Sotto-granaio di Villa Greppi, riscuotendo un ampio successo di pubblico. Questa volta il giovanissimo Picchi è riuscito ad aggiudicarsi la residenza annuale, con un progetto altrettanto interessante, sempre basato sulle questioni ambientali a lui molto care, che lo porterà a realizzare una serie di sculture in resina che racchiudono elementi naturali e artificiali raccolti nel territorio della Villa. La serietà, la sensibilità e il talento dimostrati nella scorsa edizione sono già una garanzia per la sua permanenza in villa per tutto l’anno prossimo.

 

VERA PRAVDA – Monzese, Vera Pravda è impegnata sul fronte ambientale con un progetto che propone la realizzazione di dodici grandi tele dedicate a Villa Greppi e ai suoi spazi dipinte con Airlite, pittura che abbatte i gas prodotti dalla combustione migliorando la qualità dell’aria.

 

Abiteranno la foresteria posta all’ingresso del parco, per due mesi ciascuno, tre artisti provenienti da zone più distanti d’Italia. Si tratta di:

CARLO MANGOLINI - Nel periodo di aprile e maggio 2019 sarà ospite di Villa Greppi l’aquilano Carlo Mangolini, artista, architetto e curatore di mostre e progetti culturali. Mangolini ha proposto per Villa Greppi una ricerca che sta conducendo da anni nel territorio della sua città: le sue opere composte da elementi di recupero, frammenti di realtà, materiali di scarto portano in sé la memoria di un luogo, trasformandone la storia in un oggetto artistico.

 

MADDALENA GRANZIERA - A giugno, sarà la volta di Maddalena Granziera, proveniente da Treviso. La Granziera esplorerà il territorio della Villa in cerca di soggetti per le sue sperimentazioni che contaminano pittura e fotografia.

 

CLAUDIO BEORCHIA - In autunno chiuderà la sequenza dei residenti del 2019 Claudio Beorchia, vercellese di origine ma anch’egli residente vicino a Treviso. Nella sua opera Beorchia utilizza molteplici media e linguaggi con i quali dà forma a personali riflessioni sul luogo indagato. Per la sua Residenza intende occuparsi del tema dell’acqua, che lo porterà a creare un’installazione site-specific per gli ambienti della Villa.

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

21 Novembre 1877  Thomas Edison annuncia l'invenzione del fonografo, un apparecchio che può registrare suoni. Questa invenzione permetterà poi l'utilizzo di apparecchi per la riproduzione del suono.

Social

newTwitter newYouTube newFB