Lecco, 05 maggio 2019   |  

“Una Vita da Social": il 7 maggio con Matteo Grattarola

Saranno premiate le scolaresche vincitrici della 2^ edizione del concorso “A scuola con il Commissario Mascherpa”.

vita social

E' partita da Matera, capitale europea della cultura, la 6^ edizione di “Una Vita da Social”, la campagna educativa itinerante realizzata dalla Polizia Postale e delle Comunicazioni in collaborazione con il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca e del Garante per l’Infanzia e l’Adolescenza, nell’ambito delle iniziative di sensibilizzazione e prevenzione dei rischi e pericoli della Rete per i minori.

Attraverso il progetto “Una vita da social”, gli operatori della Polizia Postale e delle Comunicazioni hanno incontrato oltre 1 milione e 700 mila studenti sia nelle piazze che nelle scuole, 180.000 genitori, 100.00 insegnanti per un totale di 15.000 Istituti scolastici, 250 città raggiunte sul territorio e due pagine twitter e facebook con 126.000 like e 12 milioni di utenti mensili sui temi della sicurezza online.

Nella città di Lecco il tour farà tappa la mattinata del 7 maggio nella Piazzetta interna al Centro Commerciale “ae Meridiana". La manifestazione prevede la visita guidata del truck della Polizia Postale e delle Comunicazioni da parte degli studenti della scuole primarie di II° dalle ore 9.00 alle ore 13.00.

Nell’arco della mattinata verranno anche premiate le scolaresche vincitrici della 2^ edizione del concorso “A scuola con il Commissario Mascherpa”. Iniziative collaterali saranno la dimostrazione dei cinofili della Polizia di Stato e l’esibizione del Campione del Mondo 2018 specialità trial, Matteo Grattarola, atleta Fiamme Oro.

“Capire i ragazzi oggi non è sempre per gli adulti compito agevole, soprattutto quando si tratta di comprenderne i bisogni, i modelli di riferimento, gli schemi cognitivi inerenti i diversi gruppi di riferimento che compongono il variegato universo giovanile. “Il fascino della rete e la sottile suggestione del messaggio virtuale, cosi come l’idea di sentirsi anonimi e il senso di deresponsabilizzazione rispetto ai comportamenti tenuti online, stanno dilagando così da determinare serie preoccupazioni".

E ancora: "Per fare della Rete un luogo più sicuro crediamo tuttavia che occorra continuare a diffondere una cultura della sicurezza in rete e in questo contesto si inserisce il concorso #ZEROBULLISMO per un uso corretto e consapevole del web. Il concorso ha l’obiettivo di raccogliere proprio dai ragazzi il loro contributo per parlare del bullismo e come affrontarlo. I ragazzi potranno proporre video, sceneggiature, poesie e canzoni per raccontare il loro punto di visto, direttamente sul sito zerobullismo.com. Tutto il materiale verrà valorizzato e messo a disposizione delle scuole per trattare il tema durante il prossimo anno scolastico”.

Nel 2018 in Lombardia - dichiara il Dott. Salvatore La Barbera Dirigente del Compartimento Polizia Postale e delle Comunicazioni per la Lombardia, - ritenendo che la prevenzione e la formazione possano essere gli strumenti maggiormente efficaci per far conoscere a studenti, genitori e insegnanti strumenti e pericoli connessi alla navigazione web, sono stati effettuati in quest’ottica circa 200 incontri e informati oltre 15000 studenti, 1800 docenti e 2000 genitori. L’attività repressiva in Lombardia, nel contempo ha prodotto durante i casi trattati, 92 perquisizioni per detenzione e diffusione di materiale pedopornografico, 81 persone denunciate e 1 arrestata per questo tipo di reati.

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

30 Maggio 1924 Giacomo Matteotti denuncia in Parlamento le violenze dei fascisti durante le elezioni di Aprile

Social

newTwitter newYouTube newFB