Lecco, 11 luglio 2017   |  

Una guida per la riabilitazione del bambino con tumore cerebrale

La pubblicazione dell’IRCCS Medea – La Nostra Famiglia è scaricabile gratuitamente.

STE6909

La riabilitazione del bambino con tumore cerebrale è un percorso complesso, che richiede la collaborazione di molte figure e l’integrazione di numerose conoscenze. E’ possibile indentificare nell’evento tumore vari livelli di complessità: quello del paziente e del sistema di cui fa parte, quello della malattia e quello del percorso di cura. Ognuno di questi livelli interagisce con gli altri, influenzandone i percorsi e i risultati e aumentando il livello di complessità totale.

Per questo motivo l’IRCCS Medea – La Nostra Famiglia ha pubblicato il volume Una sfida possibile: la riabilitazione del paziente con diagnosi di tumore cerebrale in età evolutiva (G. Poggi, M.C. Oprandi), uno strumento completamente gratuito e disponibile online per gli specialisti e per i genitori.

La guida, frutto del lavoro dell’équipe dell’Unità di Riabilitazione Neuro‐Oncologica e Neuropsicologica dell’IRCCS Medea – La Nostra Famiglia, affronta i principali aspetti della cura e della riabilitazione – motoria, cognitiva, neuropsicologica, psicologica e neuropsicomotoria - fino ad arrivare alle più recenti tecniche di teleriabilitazione cognitiva. Nella sezione delle Appendici vengono inoltre riportati i principali test neuropsicologici, psicologici, logopedici e fisioterapici che i professionisti utilizzano nell’assessment del bambino.

“L’attività del nostro reparto ha subìto negli anni un notevole incremento numerico, accogliendo pazienti che vengono inviati dai reparti di oncologia pediatrica e dalle neurochirurgie di diversi istituti Italiani”, rileva Geraldina Poggi, responsabile dell'Unità di Riabilitazione Neuro‐Oncologica e Neuropsicologica dell’IRCCS Medea. “I periodi di riabilitazione inizialmente venivano affrontati solo al termine delle cure, negli ultimi anni invece la tendenza è quella di inserire le sessioni riabilitative in tutte le finestre temporali disponibili: per esempio, tra l’intervento neurochirurgico e l’inizio delle cure oncologiche, tra la radio e la chemioterapia, tra i vari cicli di chemioterapia, con lo scopo di intervenire il prima possibile e ottimizzare ogni intervento”.

SCARICA: Una sfida possibile: la riabilitazione del paziente con diagnosi di tumore cerebrale in età evolutiva
Geraldina Poggi, Maria Chiara Oprandi

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

22 Febbraio 1931 viene varata la Amerigo Vespucci, tuttora in servizio, ed utilizzata per l'addestramento degli allievi dell'Accademia Navale di Livorno.

Social

newTwitter newYouTube newFB