Lecco, 18 aprile 2017   |  

Un parroco lecchese accanto ai piccoli cardiopatici con "Cuore Fratello"

La onlus di cui è presidente don Claudio Maggioni finanzierà interventi salvavita in Camerun, al Cardiac Center di Shisong, per bambini affetti da cardiopatia congenita

Cuore Fratello3

Continua fino al 2 maggio la campagna di Cuore Fratello, associazione di cui è presidente e fondatore Don Claudio Maggioni, parroco della Comunità Pastorale “Beato Giovanni Mazzucconi e Beato Luigi Monza” di Lecco.

La onlus, che si impegna a garantire il diritto alla salute dei bambini cardiopatici in Italia e nei Paesi in via di sviluppo, con i fondi raccolti tramite il numero solidale 45519 finanzierà interventi salvavita in Camerun, al Cardiac Center di Shisong, per bambini affetti da cardiopatia congenita.

Don Claudio, 58 anni, ha fondato, con altri amici motivati, l’Associazione Cuore Fratello onlus, di cui è tutt’ora Presidente.

parroco don claudio maggioni

Don Claudio Maggioni

Il contatto con la sofferenza - in particolare la perdita della sorella Angela per una cardiopatia a 44 anni - e la consapevolezza che da solo non sarebbe mai riuscito a offrire “una risposta organizzata alle situazioni di disagio che ci interpellavano in ambito sanitario, sul nostro territorio e anche in realtà più lontane”, maturata soprattutto durante la sua esperienza di cappellano del Policlinico San Donato di San Donato Milanese, dal 1997 al 2012, lo hanno spinto a creare un’associazione per promuovere la salute di tutti, al fine di rendere disponibili a ogni uomo, donna e bambino risorse, potenzialità e sostegno per la cura.

Prima di Lecco, è stato parroco a Sesto San Giovanni, Sant’Enrico (San Donato Milanese), Poasco (San Donato Milanese), Varese.

Cuore Fratello onlus si impegna da 15 anni per garantire il diritto alla salute dei bambini, con particolare attenzione a quelli cardiopatici dei Paesi in via di sviluppo: contribuisce a distanza alle spese per gli interventi e quando questi non sono praticabili nei luoghi d’origine porta i piccoli pazienti in Italia, facendosi carico dei costi delle cure e dell’ospitalità. A oggi sono più di 400 i bambini operati grazie al sostegno dell’associazione, dei quali 290 al Policlinico San Donato di San Donato Milanese.

Con il ricavato della campagna di raccolta fondi tramite sms e chiamate solidali al 45519, l’associazione finanzierà 7 interventi salvavita di cardiochirurgia pediatrica in Camerun. In quello che è uno dei 40 Stati più poveri del mondo, dove ogni anno 5.000 bambini si aggiungono alla lista di quelli in attesa di intervento e il rapporto è di un medico cardiologo per ogni milione di abitanti, si trova il Cardiac Center di Shisong, il primo Centro di Cardiochirurgia di tutta l’Africa Equatoriale Occidentale, di cui Cuore Fratello è tra i fondatori. Inaugurata nel 2009, questa struttura di eccellenza serve un bacino di utenza di oltre 200 milioni di persone e si occupa prevalentemente di casi pediatrici. Qui l’associazione aiuta le famiglie in grave difficoltà economica ad affrontare i costi per le operazioni dei piccoli pazienti.

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

27 Giugno 1980 il Dc9 I-Tigi Itavia Ih870, in volo da Bologna a Palermo, partito con due ore di ritardo, esplode nei cieli a Nord di Ustica, 81 le vittime, di cui 13 bambini

Social

newTwitter newYouTube newFB