Lecco, 04 dicembre 2018   |  

Uil Lecco: deludente impegno dei Comuni nella lotta all'evasione

"Questa sterile lotta pesa sui Cittadini onesti, sui quali grava un’imposizione fiscale e costi dei servizi più alti"

Monteduro Salvatore Uil

Salvatore Monteduro

"La compartecipazione dei comuni delle Province di Como e Lecco al contrasto all’evasione fiscale e contributiva, nell’anno 2017, è deludente". Lo afferma Salvatore Monteduro, segretario generale della Uil del Lario Lecco-Como.

"Complessivamente - spiega, citando dati del Ministero dell'Interno al 6 settembre,elaborati dalla Uil - sono stati recuperati solo € 15.026,77 in Provincia di Como e € 285,92 in quella di Lecco. Inconsistente il ruolo del Comune di Como nel contrasto all’evasione fiscale e nullo quello di Lecco. È grazie al comune di Cantù se si registra un incremento in Provincia di Como della riscossione nell’anno 2017 (+117,5%) rispetto all’anno 2016".

In provincia di Lecco, ha contribuito al contrasto all’evasione fiscale nell’anno 2017 solo il comune di Carenno su 85 totali (1,18%), mentre nel 2016 erano 5.

In provincia di Como hanno contribuito al contrasto all’evasione fiscale nell’anno 2017 solo 5 comuni su 149 totali (3,36%), mentre nel 2016 erano 8:

comuni como uil evasione"Questa sterile lotta all’evasione fiscale da parte dei Comuni e conseguente mancate entrate nelle casse degli Enti Locali pesa sui Cittadini onesti, sui quali grava un’imposizione fiscale e costi dei servizi più alti (addizionale irpef, retta asilo nido ecc.). Tutti i Comuni - conclude - devono sentirsi impegnati nel contrasto all’evasione fiscale, gli ultimi dati parlano di 109 miliardi di euro di risorse sottratte alle finanze pubbliche, fondamentali per garantire una diminuzione della pressione fiscale che grava sul mondo del lavoro e pensionati e per garantire un’equità sociale".

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

25 Maggio 1992 a Palermo si celebrano i funerali di Giovanni Falcone, della moglie Francesca Morvillo e dei tre agenti della scorta Vito Schifani, Rocco Dicillo e Antonio Montinaro, vittime della Strage di Capaci

Social

newTwitter newYouTube newFB