Lecco, 09 gennaio 2017   |  

Tutti in classe al Parini: la scuola riapre completamente

L'emergenza è alle spalle e gli studenti possono finalmente tornare tutti quanti nelle proprie aule.

Istituto Parini

Alle dieci di questa mattina l'istituto superiore Parini di Lecco è finalmente tornato alla normalità. Infatti alla ripresa delle lezioni dopo la pausa natalizia, tutti gli studenti torneranno a sedere nelle proprie aule.

Durante le vacanze sono stati ultimati i lavori sia al primo che al secondo piano in modo che anche le ultime dodici classi, nei mesi scorsi ospitate dalle scuole Grassi, Fiocchi e Badoni, possono fare ritorno nel proprio edificio scolastico.

Di più: grazie al cospicuo ribasso d'asta di questo secondo lotto dei lavori,è stato possibile rimettere a nuovo i controsoffitti di tutte le aule mancanti e così anche chi già faceva lezioni all'interno dello stabile di via Badoni, ma in spazi di fortuna come le aule dei professori, può finalmente tornare nelle proprie classi.

All'interno dello stesso lotto di lavori, ma con consegna a Fabbraio, c'è anche la biblioteca scolastica. A rimanere fuori dalla ristrutturazione, pertanto, sarà soltanto l'archivio presente nel seminterrato.

Per questa emergenza la Provincia ha complessivamente stanziato 480mila euro per la manutenzione straordinaria del Parini dopo che l'edificio scolastico era stato dichiarato interdetto all'uso lo scorso 20 Luglio per il potenziale rischio crollo dei controsoffitti.

«Rivendico, insieme all'amministrazione provinciale, - commenta Rocco Cardamone - il risultato di aver restituito in pochi mesi al suo pieno e totale utilizzo il Parini. Ad agosto abbiamo dovuto prendere una decisione delicata difronte a una situazione drammatica. Ci siamo assunti una grande responsabilità con una scelta coraggiosa».

Il consigliere Marinella Maldini, con delega all'istruzione, evidenzia inoltre come nonostante i lavori effettuati nell'edificio scolastico ragazzi, docente e personale sono sempre stati mantenuti in sicurezza.

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

23 Ottobre 1956 migliaia di dimostranti ungheresi protestano contro le influenze e l'occupazione sovietica della loro nazione (la Rivoluzione ungherese verrà stroncata il 4 Novembre)

Social

newTwitter newYouTube newFB