Lecco, 21 dicembre 2016   |  

Tubettificio. Morlicchio (Tecnocap): pronti a rilanciare l'azienda

di Stefano Scaccabarozzi

L'amministratore delegato della multinazionale che ha rilevato la storica fabbrica di Pescarenico: cerchermeo di attingere dal personale che già vi lavorava

Michelangelo Morlicchio

Michelangelo Morlicchio

«Le intenzioni sono sicuramente quelle di rilanciare l'azienda, garantendole un futuro. L'abbiamo pagata benino e cercheremo di farla fruttare»: sono queste le prime parole di Michelangelo Morlicchio, amministratore delegato della Tecnocap Spa, la multinazionale di Cava de' Tirreni (Salerno) che questa mattina ha vinto l'asta per rilevare il Tubettificio Europeo, presentando un'offerta da 4,1 milioni di euro da pagare entro 90 giorni.

Un investimento sicuramente importante per un'azienda che comunque è la terza realtà al mondo nella produzione di chiusure Twist per vasi di vetro, bottiglie e contenitori di plastica che vengono utilizzati nel settore alimentare e delle bevande, farmaceutico, e le industrie di bellezza.

Insieme all'offerta di acquisto del Tubettificio la Tecnocap, già cliente della storica azienda di Pescarenico, ha presentato - era richiesta dal bando - anche una manifestazione di volontà ad assumere il personale necessario al funzionamento del complesso aziendale attingendo, in via prioritaria seppur non esclusiva, ai profili professionali individuati nella lista di n. 108 lavoratori posti in mobilità.

«Cercheremo di attingere dal personale che già vi lavorava - ha sottolineato il dottor Morlicchio - anche perché credo abbiano un'esperienza e delle competenze che non sono facili da trovare sul territorio. I tempi per riprendere la produzione dipenderanno dalle ultime fasi tecniche per completare all'acquisto. Entrando nello stabilimento cercheremo di capire meglio qual è la situazione e dunque di valutare con un attimo di calma quale tipo di investimento sarà necessario. Al momento è difficile dire anche con quanti lavoratori partiremo perché dipende dal numero di macchine che attiveremo subito, vediamo anche i clienti come risponderanno.».

Gli esperti della Tecnocap negli ultimi mesi sarebbero stati più volte a Pescarenico per visitare gli impianti produttivi. Con questa offerta d'acquisto vincolate, l'acquirente - sempre come richiesto dal bando - si impegna anche a non trasferire al di fuori del sito produttivo la produzione o più in generale know how per un periodo almeno pari a 48 mesi.

La multinazionale di Salerno, con stabilimenti anche in Spagna, Usa, Repubblica Ceca, Germania, Francia e Ucraina, oggi ha dunque acquisito: autorizzazioni amministrative, licenze, permessi, concessioni, know how, l’avviamento, il marchio, i brevetti, i disegni ed ogni opera dell’ingegno, gli impianti, i macchinari, le attrezzature e i beni strumentali in genere.

A carico della Tecnocap ci sarà anche contratto di locazione di parte dell'area industriale di Pescarenico. Un cospicuo investimento che vedrà messe sul piatto anche le necessarie risorse da investire per far ripartire l'azienda.

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

26 Giugno 1963  John F. Kennedy pronuncia la famosa frase: Ich bin ein Berliner

Social

newTwitter newYouTube newFB