Peschiera Borromeo (Mi), 05 settembre 2017   |  

Truffa dello specchietto

Sventata da un Carabiniere libero dal servizio, in manette una coppia di nomadi

carabinieri2

I Carabinieri della Stazione di Peschiera Borromeo hanno tratto in arresto una coppia di nomadi di 39 e 40 anni, già noti alla Giustizia, ritenuti responsabili di truffa aggravata. Nel pomeriggio di ieri la coppia viaggiava a bordo della propria autovettura, condotta dal 39enne, quando quest’ultimo, approfittando di un cambio di corsia effettuato da un’utilitaria lungo la S.P. 14 “Rivoltana”, scagliava alcuni piccoli oggetti contro la fiancata posteriore dell’altro veicolo. La scena non è sfuggita a un carabiniere della Stazione di Peschiera Borromeo, il quale, libero dal servizio, stava percorrendo la stessa strada.

Subito dopo la finta collisione, i truffatori hanno dapprima invitato la vittima, un 28enne del posto, ad accostare a bordo strada, lungo via per San Bovio, accusandolo di aver urtato lo specchietto retrovisore lato guidatore che di fatto era penzolante. Contestualmente, gli stessi hanno fatto notare al ragazzo la presenza di alcuni segni sulla carrozzeria della propria auto, a riprova dell’avvenuto contatto tra le vetture. Per risolvere la questione i due complici hanno quindi chiesto la consegna immediata della somma di 100 euro quale risarcimento del danno, paventando un danno economico maggiore nel caso in cui l’incidente fosse stato segnalato alle autorità. Il 28enne ha quindi ingenuamente consegnato quanto richiesto dai truffatori, che si sono immediatamente allontanati convinti di aver messo a segno il colpo. La coppia è però stata subito bloccata dai Carabinieri, giunti su indicazione del collega, che nel frattempo aveva provveduto a bloccare la via di fuga in entrambi i sensi di marcia, utilizzando sia la propria autovettura che un mezzo pesante fatto posizionare di traverso sulla sede stradale.

Il maltolto è stato quindi restituito all’avente diritto, mentre nel portaoggetti dell’auto e nella borsa della donna sono stati rinvenuti pastelli a cera spezzettati, idonei ad essere lanciati e a lasciare segni visibili sulle carrozzerie dei veicoli. Gli arrestati sono comparsi questa mattina dinanzi al Giudice della direttissima che ha convalidato l’arresto e posto i due alla misura cautelare dell’obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria, in attesa della definizione del procedimento penale.

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

23 Settembre 1943 Salvo d'Acquisto si offre in cambio della vita di 22 civili rastrellati dai tedeschi per rappresaglia contro un attentato compiuto il giorno prima, viene fucilato a Roma, in località Torrimpietra. Riceverà la Medaglia d'Oro al Valor Militare.

Social

newTwitter newYouTube newFB