Lecco, 15 maggio 2020   |  

Test sierologici: positivo un lecchese su tre in quarantena

Tra gli operatori sanitari risulta aver contratto il Covid il 7,5%.

Conferenza+vaccini+07+Gallera+per+portale

"Sono quasi 80.000 i test sierologici regionali effettuati o prenotati a cittadini in quarantena fiduciaria e agli operatori sanitari, su disposizione delle ATS e delle ASST della Lombardia. Fra questi, 66.187 sono già stati processati". Lo afferma l'assessore al Welfare della Regione Lombardia, Giulio Gallera, commentando gli esiti delle analisi sierologiche.

"Gli esiti dei prelievi ematici per l'individuazione degli anticorpi neutralizzanti - sottolinea Gallera - delineano una situazione ben definita. Fra i soggetti in quarantena la media regionale delle positività si attesta al 42,1% su 19.405 test processati, con punte del 60 nella zona di Seriate, del 55 nel bresciano e del 47 nell'area afferente all'ASST di Crema".

"Fra gli operatori sanitari - spiega Gallera - il numero dei casi positivi si attesta sul valore medio del 13,6% su base regionale, con oscillazioni strettamente correlate alla diffusione geografica della pandemia. L'aggiornamento settimanale dei dati, secondo gli esperti, conferma la bontà e l'efficacia delle misure messe in atto da Regione Lombardia".

A seguito di positività accertata attraverso il test sierologico, viene disposta l'effettuazione del tampone.

"I prelievi proseguono in modo incessante - conclude Gallera - abbiamo già consegnato 200.000 kit alle aziende sanitarie e ai laboratori di riferimento. Dopo medici e infermieri, nei prossimi giorni inizieremo ad eseguire i test agli esponenti delle Forze dell'Ordine".

 Positivi Negativi Dubbi
ATS Brianza (Lecco e Monza):
Test effettuati: 1.286
Positivi: 428 cioè il 33,3%
Negativi: 823 pari al 64,0%
Dubbi: 35 cioè il 2,7%


TRA GLI OPERATORI SANITARI
Test effettuati Positivi Negativi Dubbi
ATS Brianza: 3.444 test effettuati
Positivi: 258 7,5%
Negativi: 3.145 91,3%
Dubbi: 41 1,2%

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

11 Agosto 1966  John Lennon tiene una conferenza stampa a Chicago, scusandosi per aver detto che i Beatles erano più famosi di Gesù

Social

newTwitter newYouTube newFB