Lecco, 17 maggio 2017   |  

Telelettura condivisa delle utenze elettriche, energetiche, idriche: approvata risoluzione Fragomeli

Il Parlamentare Pd: Approvata mia risoluzione che accresce il diritto a controllo e trasparenza per 30 milioni di utenti italiani

GM Fragomeli

«Nel pomeriggio di oggi, alla Camera dei Deputati, in Commissione congiunta Finanze e Attività produttive, è stata approvata una risoluzione a mia prima firma con la quale il Governo viene indirizzato ad intervenire sui gestori delle utenze domestiche di acqua, luce e gas affinché, coordinandosi tra loro, rendano disponibili ai cittadini, in maniera semplice ed in tempo pressoché reale, i dati relativi ai loro consumi. Più trasparenza significa maggiore consapevolezza e quindi un utilizzo più attento delle risorse, con maggiori possibilità di risparmio e meno burocrazia».

A darne notizia è Gian Mario Fragomeli, deputato lecchese del Partito Democratico. «Con il passaggio all'utilizzo delle nuove tecnologie digitali per la misurazione di tutte le utenze» continua «non ci saranno più alibi e potrà quindi essere realizzato un portale informatico attraverso il quale tutti i cittadini saranno in grado di controllare, da casa e con un semplice click, i consumi delle principali utenze domestiche. Tutto questo, inoltre, permetterà il superamento di disfunzioni e disservizi, evitando al contempo la necessità di ricorrere a stime per la fatturazione dei consumi ed alla successiva emissione di conguagli. Da sottolineare, infine, come le tecnologie di controllo delle informazioni trasmesse, garantiranno l’incorruttibilità e l’integrità dei dati inviati lungo tutta la catena di comunicazione, dal contatore di tipo "smart" fino ai sistemi centrali di raccolta dati».

«Con l'ottenimento di questo innovativo "diritto alla trasparenza"» conclude Fragomeli «vedo finalmente realizzato quanto promosso e perseguito, sin dal 2015, con la presentazione di una mia specifica proposta di legge in materia di telettura delle utenze domestiche».

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

23 Settembre 1943 Salvo d'Acquisto si offre in cambio della vita di 22 civili rastrellati dai tedeschi per rappresaglia contro un attentato compiuto il giorno prima, viene fucilato a Roma, in località Torrimpietra. Riceverà la Medaglia d'Oro al Valor Militare.

Social

newTwitter newYouTube newFB