Lecco, 31 ottobre 2018   |  

Tecnologia lecchese per il nuovo telescopio spaziale Athena

di Stefano Scaccabarozzi

La Media Lario di Bosisio realizzerà l'integrazione ottica della strumentazione che sarà inviata nello spazio nel 2031.

Jeff Lyons media lario

Il ceo di Media Lario Jeff Lyons

Media Lario, azienda leader mondiale nell'ottica e nei sistemi ottici di alta precisione, fondata nel 1993, festeggia i suoi primi 25 anni con un nuovo progetto. L'impresa di Bosisio, nata come spin-off del Cnr, è infatti stata selezionata dall'Agenzia Spaziale Europea (ESA) per lo sviluppo della tecnologia di integrazione ottica di Athena, il telescopio spaziale che sarà lanciato in orbita nel 2031. Athena sarà il telescopio più grande ed evoluto mai realizzato per l'astronomia alle alte energie, in grado, per esempio, di raccogliere le radiazioni sotto forma di raggi x emesse da un buco nero.

media lario foto conferenza 7Un prestigioso incarico e un importante traguardo festeggiati accogliendo nello stabilimento di Bosisio le principali istituzioni scientifiche italiane della ricerca: il Presidente Nazionale del CNR Massimo Inguscio, il Prorettore del Polo di Lecco del Politecnico di Milano Manuela Grecchi e il prof. Luca Magagnin del Politecnico di Milano, il Presidente dell'INAF Nicolò D'Amico e il direttore di INAF Brera Gianpiero Tagliaferri e la Direttrice INAF IASF, Bianca Garilli.

Sono intervenuti anche il responsabile scientifico di Media Lario, Oberto Citterio e il responsabile tecnologico di Media Lario, Giuseppe Valsecchi, che insieme hanno dato vita, nel 1993, al progetto di Media Lario. Presenti anche rappresentanti politici e del mondo industriali

A dare il benvenuto agli illustri ospiti è stato Jeff Lyons, CEO di Media Lario srl, che ha ricordato le preziose collaborazioni ottenute dall'azienda di Bosisio Parini nel corso degli anni con Asi (Agenzia spaziale italiana), Nasa ed Esa, come per la sonda Rosetta che ha agganciato l'orbita di una cometa.

media lario foto conferenza 6«Si tratta di un grande successo per la nostra azienda – ha spiegato Lyons – Rappresenta un riconoscimento alla nostra dedizione e al nostro duro lavoro, oltre che alla competenza e all'esperienza che abbiamo maturato in questo campo in 25 anni».

L'astronomia spaziale è tornata ad attirare grandi investimenti: «È un settore strategico per futuro dell'Umanità – spiega il presidente di Inaf D'Amico - ce ne si rende conto da quante risorse molti Stati stanno dedicando per costruire strutture ciclopiche. Il prossimo obiettivo sarà quello di studiare le atmosfere degli esopianeti per capire se ci può essere vita; oppure quello di verificare se in un esopianeta c'è attivo un radar e quindi la presenza una civiltà tecnologica. Non va dimenticato che l'astronomia moderna crea anche innovazione alla portata di tutti: il wifi è stato inventato e brevettato da radio-astronomi che così hanno cambiato la nostra vita».

media lario foto conferenza 8E con Athena sono previsti nuovi sviluppi: «L'astronomia che rileva e studia i raggi X – continua il professor D'Amico – ha permesso di fare notevoli passi avanti alla ricerca, perché consente di effettuare misure a distanze cosmologiche oppure di studiare oggetti compatti come i buchi neri. Il telescopio Athena costituisce un passo avanti in termini di sensibilità e alla Media Lario spetta il compito più impegnativo e delicato, quello relativo all'integrazione». Il presidente del Cnr, Massimo Inguscio, ha invece rimarcato il lavoro svolto da Media Lario, ricordando come il mondo della ricerca «stimola la tecnologia e ci proietta verso il futuro».

Il presidente del CNR, Massimo Inguscio, ha rimarcato il lavoro svolto da Media Lario, ricordando il ruolo della ricerca «che stimola la tecnologia e ci proietta verso il futuro» . Forte l'intesa tra l'azienda e il Politecnico di Milano, iniziata fin dalla nascita di Media Lario, come ricordato dal Prorettore Manuela Grecchi e dal prof. Luca Magagnin. «L'astrofisica moderna e le sue scoperte sono in grado di migliorare le nostre vite – è intervenuto il Presidente dell'INAF Nicolò D'Amico - ATHENA è una delle missioni più impegnative e il ruolo di Media Lario è di grande rilievo».

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

21 Novembre 1877  Thomas Edison annuncia l'invenzione del fonografo, un apparecchio che può registrare suoni. Questa invenzione permetterà poi l'utilizzo di apparecchi per la riproduzione del suono.

Social

newTwitter newYouTube newFB