Lecco, 26 luglio 2019   |  

Straniero (Pd) sulla Statale 36: dalla Regione occasione mancata

"Non vorrei che limitarsi a ripetere impegni già presi fosse un modo per non fare davvero ciò che serve per la nostra importante arteria".

raffaele straniero ufficio

La Giunta regionale si attiverà con l’Anas e con gli enti territoriali coinvolti per programmare una serie di interventi urgenti e puntuali sulla statale 36, finalizzati a risolvere le situazioni più critiche dal punto di vista della sicurezza stradale. È quanto approvato dal consiglio regionale della Lombardia, questo pomeriggio, nell’ambito dell’assestamento di bilancio, dell’ordine del giorno presentato da Raffaele Straniero, consigliere regionale del Pd.

“Ovviamente sono soddisfatto che Regione Lombardia si prenda questo impegno, tuttavia mi sembra un déjà vu: questo rapporto con l’Anas era già stato previsto, come pure l’intenzione di occuparsi delle criticità. Ciò che chiedevamo nell’atto era molto di più. Suona un po’ come un’occasione persa”, aggiunge Straniero.

L’ordine del giorno impegnava, infatti, la Giunta anche a “destinare adeguate risorse per gli studi preliminari per la definizione degli interventi; provvedere, anche in vista dei Giochi olimpici 2026, adeguati incrementi degli stanziamenti necessari a garantire gli interventi sulle infrastrutture per la mobilità stradale e ferroviaria; esplicitare un cronoprogramma puntuale degli interventi e riferire alla Commissione Territorio e infrastrutture il lavoro svolto dal gruppo istituito con Anas”.

Ma “nulla di questo è stato accettato, in sede di approvazione dell’atto – fa presente il consigliere Pd –. Non vorrei che limitarsi a ripetere impegni già presi fosse un modo per non fare davvero ciò che serve per la nostra importante arteria e questo non è possibile. Non c'è tempo da perdere per la riqualificazione della Ss36, anche in vista delle Olimpiadi”.

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

23 Settembre 1943 Salvo d'Acquisto si offre in cambio della vita di 22 civili rastrellati dai tedeschi per rappresaglia contro un attentato compiuto il giorno prima, viene fucilato a Roma, in località Torrimpietra. Riceverà la Medaglia d'Oro al Valor Militare.

Social

newTwitter newYouTube newFB