Lecco, 10 maggio 2019   |  

“Spedizioni - Cartoline tra uomini e montagne” apre Monti Sorgenti

di Giancarlo Airoldi

L'esposizione raccoglie cinquant’anni di cartoline di alpinisti lecchesi sulle montagne del mondo.

MOSTRA CARTOLINE 011

La mostra “Spedizioni - Cartoline tra uomini e montagne”, inaugurata oggi, venerdì 10 maggio, a Palazzo delle Paure, apre la rassegna 2019 di Monti Sorgenti.

L'esposizione raccoglie cinquant’anni di cartoline di alpinisti lecchesi sulle montagne del mondo: “E’ bello - commenta Alberto Pirovano, presidente CAI Lecco - aprire questa edizione con qualcosa che affonda le radici nel passato della nostra città e del nostro alpinismo: le cartoline, fino a pochi decenni fa, erano la principale fonte di finanziamento di queste spedizioni e ora ne raccontano la storia. Messaggi, firme, immagini di alcune delle imprese alpinistiche che hanno fatto la storia aprono ad un mondo di ricordi, avventure ed emozioni da non dimenticare” .

MOSTRA CARTOLINE 033

All’inaugurazione sono intervenute decine e decine di persone: “Sono lieta di dare il benvenuto alla nuova edizione di Monti Sorgenti a nome mio e del sindaco Virginio Brivio – ha aggiunto Simona Piazza, assessore comunale alla Promozione della cultura e delle politiche giovanili -. Il legame dei lecchesi con la montagna è molto forte, e in diverso modo ha forgiato tutti noi: il lavoro di Annibale Rota e di coloro che hanno realizzato questa mostra testimonia proprio questa unione. Ringrazio Monti Sorgenti che mette al centro la montagna per due settimane ogni anno, e auspico che la collaborazione con loro prosegua nell’interesse della città e della cultura”.

MOSTRA CARTOLINE 046Il successo del primo evento di Monti Sorgenti apre la strada al secondo appuntamento della rassegna: il film “Mountain” che andrà in scena lunedì 13 maggio allo Spazio Teatro Invito.

Il documentario australiano del 2017 propone una visione originale e unica dell’alta quota per in cinema di montagna: puro spettacolo, con un valzer di riprese impossibili e spettacolari realizzate da elicotteri o telecamere indossate da alpinisti e atleti.

Il film è frutto di una selezione su un girato di 2000 ore in 15 paesi diversi e di una sapiente composizione che arriva allo spettatore accompagnata da un testo dello scrittore inglese Robert Macfarlane letto dall’attore Willem Dafoe.

MOSTRA CARTOLINE 055La colonna sonora è targata Australian Chamber Orchestra ed eseguita nella Sydney Opera House: questo rende il film una sinfonia pura di immagini e musica per arrivare a quella che Mescalito film definisce "sinfonia audiovisiva”.

Le parti didascaliche sono completamente abbandonate: nessuna scalata è firmata o localizzata geograficamente. Si punta alla pura emozione, andando oltre l’alpinismo per raccontare anche la montagna vissuta con la tuta alare, la slackline, la mountain bike o il paracadute.

Una serata da non perdere, insomma. L’introduzione sarà a cura di Nicoletta Favaron, vice-presidente del Trento Film Festival e membro del Centro di Cinematografia e Cineteca del Club Alpino Italiano.

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

25 Agosto 1915 viene combattuta la battaglia del Col Basson, prima azione della Grande Guerra in cui gli italiani persero più di 1000 uomini

Social

newTwitter newYouTube newFB