Lecco, 15 giugno 2018   |  

Sognando a colori: 400 ragazzi coinvolti e oltre 60 soggetti

Questa è l’estate 2018 del progetto Living Land

tavolorelatori

Oltre 400 giovani tra i 15 e i 27 anni saranno impegnati in attività di diverso genere, dalla riqualifica di beni pubblici alla cura della terra, dall’accompagnamento di minori fino alla valorizzazione di luoghi turistici e culturali: tante opportunità di crescita prendendosi cura del proprio territorio. Il tutto ricompensato con un riconoscimento economico, a qualificare e dare valore ad un'esperienza da “adulti”.

Tutte le iniziative contano sulla collaborazione di oltre 60 enti coinvolti tra comuni, agriturismi, musei, uffici turistici, cooperative e associazioni che ospiteranno presso le proprie strutture i tanti ragazzi pronti a mettersi in gioco. Sognando a colori è lo slogan scelto quest’anno, il filo rosso che caratterizzerà le diverse esperienze.

Il sogno come desiderio, che si concretizza per i giovani coinvolti nell’opportunità di essere protagonisti, rendersi utili e farsi carico dei Beni comuni. Il sogno come possibilità di scoprirsi capaci e sentirsi valorizzati, ma a volte anche occasione per ripartire. In ogni caso il sogno diventa obiettivo raggiungibile, perché è concreto, sostenibile e si può toccare con mano. E’ un sogno a colori. Perché il colore sarà l’elemento dominante nelle aiuole che i ragazzi realizzeranno nei 9 comuni del Polo Brianza Ovest, nei murales progettati per i due sottopassi di Rivabella e del Centro sportivo del Bione, nelle opere richieste dai Comuni di Bosisio, Civate e Malgrate.

E poi ci sono i colori del nostro lago e delle nostre montagne, che una trentina di ragazzi saranno impegnati a promuovere e valorizzare con la loro presenza nei musei e negli uffici turistici. E’ per questo che quest’anno i partecipanti vestiranno simbolicamente magliette dai colori diversi, a testimoniare la creatività, l’iniziativa e la motivazione che i ragazzi metteranno in gioco, consegnandoci, oltre a luoghi più belli e curati, anche positività e ottimismo.

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

17 Dicembre 1860 la Camera dei Deputati del Regno di Sardegna viene sciolta per consentire l'elezione del primo Parlamento italiano.

Social

newTwitter newYouTube newFB