Lecco, 31 ottobre 2018   |  

Soccorso alpino: quaranta partecipanti alle selezione

La valutazione è stata effettuata da otto istruttori tecnici.

cnsas elicottero

Che cosa bisogna fare per entrare nel Cnsas - Soccorso alpino e speleologico? Come procede poi il percorso per acquisire le diverse specializzazioni tecniche? È una domanda che spesso i giovani rivolgono. Domenica scorsa al Passo dello Stelvio si sono svolte le selezioni V1 per il 2018.

I partecipanti erano quaranta: sedici della VII Delegazione Valtellina - Valchiavenna, dodici della XIX Lariana, nove della V Bresciana e tre della VI Orobica; cinque di essi sono operatori sanitari tecnici (OTS).

La valutazione è stata effettuata da otto istruttori tecnici del Cnsas, di cui quattro nazionali, alla presenza di Bugatti, Vitali e Spada del Consiglio regionale Cnsas lombardo. Le prove si sono tenute il 13 e il 14 ottobre al Passo dello Stelvio per la parte Invernale, il 27 e 28 ottobre a Lecco per la parte estiva e i colloqui.

Per diventare parte del Cnsas è necessario accedere al primo livello di formazione, quello di operatore di soccorso alpino o di tecnico di soccorso speleologico. L’ammissione è possibile per tutti i soci del Cai - Club Alpino Italiano, tra i 18 e i 45 anni.

La domanda va presentata al capostazione della zona in cui si risiede, per la verifica dei requisiti, con il curriculum dell’attività alpinistica o speleologica degli ultimi due anni e un certificato medico.

Quali sono le competenze di base richieste? Per diventare operatore di soccorso alpino, capacità di movimento su tutti i terreni di montagna, arrampicata su roccia da capocorda (4°UIAA) e su ghiaccio (60°), sci su tutti i tipi di neve. Per il soccorso speleologico, conoscenza della tecnica di arrampicata e di movimento in grotta, capacità di attrezzamento e di progressione su corda e in meandro. Il percorso è impegnativo, le selezioni rigorose ma poi l’appartenenza al Corpo diventa quasi sempre una scelta di vita.

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

22 Gennaio 1506 arriva a Roma il primo contingente di Guardie Svizzere composto da 150 uomini

Social

newTwitter newYouTube newFB