Lecco, 31 ottobre 2018   |  

Soccorso alpino: quaranta partecipanti alle selezione

La valutazione è stata effettuata da otto istruttori tecnici.

cnsas elicottero

Che cosa bisogna fare per entrare nel Cnsas - Soccorso alpino e speleologico? Come procede poi il percorso per acquisire le diverse specializzazioni tecniche? È una domanda che spesso i giovani rivolgono. Domenica scorsa al Passo dello Stelvio si sono svolte le selezioni V1 per il 2018.

I partecipanti erano quaranta: sedici della VII Delegazione Valtellina - Valchiavenna, dodici della XIX Lariana, nove della V Bresciana e tre della VI Orobica; cinque di essi sono operatori sanitari tecnici (OTS).

La valutazione è stata effettuata da otto istruttori tecnici del Cnsas, di cui quattro nazionali, alla presenza di Bugatti, Vitali e Spada del Consiglio regionale Cnsas lombardo. Le prove si sono tenute il 13 e il 14 ottobre al Passo dello Stelvio per la parte Invernale, il 27 e 28 ottobre a Lecco per la parte estiva e i colloqui.

Per diventare parte del Cnsas è necessario accedere al primo livello di formazione, quello di operatore di soccorso alpino o di tecnico di soccorso speleologico. L’ammissione è possibile per tutti i soci del Cai - Club Alpino Italiano, tra i 18 e i 45 anni.

La domanda va presentata al capostazione della zona in cui si risiede, per la verifica dei requisiti, con il curriculum dell’attività alpinistica o speleologica degli ultimi due anni e un certificato medico.

Quali sono le competenze di base richieste? Per diventare operatore di soccorso alpino, capacità di movimento su tutti i terreni di montagna, arrampicata su roccia da capocorda (4°UIAA) e su ghiaccio (60°), sci su tutti i tipi di neve. Per il soccorso speleologico, conoscenza della tecnica di arrampicata e di movimento in grotta, capacità di attrezzamento e di progressione su corda e in meandro. Il percorso è impegnativo, le selezioni rigorose ma poi l’appartenenza al Corpo diventa quasi sempre una scelta di vita.

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

21 Novembre 1877  Thomas Edison annuncia l'invenzione del fonografo, un apparecchio che può registrare suoni. Questa invenzione permetterà poi l'utilizzo di apparecchi per la riproduzione del suono.

Social

newTwitter newYouTube newFB