Lecco, 14 dicembre 2016   |  

Smog: ancora critica la situazione della qualità dell'aria

Pm10 oltre limiti in Lombardia tranne Sondrio e nella Bassa Situazione critica a Como, Monza e a Milano. Il meteo non aiuta

smog auto

Rimane critica la situazione della qualità dell'aria in Lombardia, dove solo le quattro provincie della Bassa sono sotto i limiti della soglia di allarme. Lo ha segnalato l'Arpa Lombardia, spiegando che nelle province di Cremona, Lodi, Mantova e Pavia le concentrazioni medie provinciali di Pm10 sono, infatti, risultate inferiori alla prima soglia di attivazione del "Protocollo per l'attuazione di misure temporanee per il miglioramento della qualità dell'aria", che permane invece in provincia di Brescia, con 14 giorni consecutivi di superamento dei 50 microgrammi per metro cubo, nelle province di Bergamo, Milano, Monza dove i giorni sono saliti a 11, e in quelle di Como, Lecco e Varese con 2 giorni consecutivi di superamento.

La seconda soglia di applicazione del Protocollo, riferita a 70 microgrammi per metro cubo, è stata superata solo in provincia di Monza e Brianza per 10 giorni consecutivi e a Como per 2 giorni.

Arpa Lombardia ha spiegato inoltre che "il tempo rimane complessivamente stabile, con foschia e nubi basse sino a venerdì su Pianura ed Appennino e cielo soleggiato su Alpi e Prealpi. Pertanto, per oggi e domani, il servizio meteorologico dell'agenzia prevede condizioni atmosferiche in generale non favorevoli alla dispersione degli inquinanti. Mentre per venerdì è prevista variabilità, con vento debole e localmente moderato e attenuazione dei fenomeni di inversione termica".

Le concentrazioni di Pm10 più alte rilevate ieri dalle stazioni presenti nelle città capoluogo di provincia sono state le seguenti: Como 93, Monza 92, Milano 87, Lecco 75, Bergamo 72, Brescia 67, Pavia 60, Varese 57, Lodi 54 e Cremona 51. Fanno storia a sé Mantova e Sondrio, che hanno fatto registrare rispettivamente 34 e 39 milligrammi per metro cubo.

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

17 Dicembre 1860 la Camera dei Deputati del Regno di Sardegna viene sciolta per consentire l'elezione del primo Parlamento italiano.

Social

newTwitter newYouTube newFB