Lecco, 26 luglio 2018   |  
Sport   |  Provincia

Simonetti (Pescatori lecchesi): svolta epocale, il lago è nostro!

Acquisiti i diritti esclusivi di pesca nel bacino di Lecco, Garlate e Olginate.

SetHeight439-simonetti-stefano

La ASD provinciale di Lecco, convenzionata Fipsas (Federazione italiana pesca sportiva e attività subacquee), ha reso noto di aver acquisito importanti diritti esclusivi di pesca sul lago.

L’Associazione provinciale dei Pescatori dal primo gennaio 20019 sarà titolare a tutti gli effetti dei diritti esclusivi di pesca: sul lago di Garlate (1,19 KMQ di acque – 2,81 KM di sponde), sul lago di Olginate (0,55 KMQ – 3,46 KM) e nel bacino di Lecco (13,47 KMQ – 18,13 km)

Complessivamente 15,21 kmq di acque e ben 24,4 km di sponde. Su queste acque dal 2019 sarà obbligatoria la tessera federale della Fipsas per poter pescare.

Il presidente Avv. Stefano Simonetti ha dichiarato: “Abbiamo realizzato il sogno di Airoldi e Lascala… il Lago è nostro! Oggi la Asd provinciale di Lecco convenzionata Fipsas è il proprietario più importante dei diritti di pesca sul Lago di Como – ramo di Lecco. Tale risultato è stato possibile grazie alla passione e all’impegno di molti volontari che per anni hanno lavorato duramente per la diffusione della pesca sportiva, per la salvaguardia dell’ambiente ittico e della fauna ittica autoctona. Il mio grazie va a tutto il Direttivo, a tutte le sezioni affiliate e a tutti i pescatori volontari. Un grazie a tutti i venditori che hanno compreso la nostra passione e la voglia di fare.

L’acquisto dei diritti esclusivi (famiglie Braga e Corti) per noi pescatori sportivi è qualcosa di epocale e immenso. Abbiamo tanti progetti per lo sviluppo della pesca sportiva e attività subacquee nel nostro Lago, con la convenzione con il Monastero di Piona, nelle acque del laghetto di Piona la pesca professionale è già interdetta. Oggi il Lago di Piona è una riserva per pescatori sportivi ma è pure una riserva ambientale per la fauna acquatica dove può trovare un ambiente ideale per la riproduzione.

A breve incontreremo con il nuovo Dirigente dell'ufficio territoriale regionale di Lecco, il nostro obiettivo è creare due bacini dedicati alla pesca sportiva e anche per promuovere, con una scuola pesca, questo sport verso i più giovani. La creazione di due bacini ben individuati e dedicati alla pesca sportiva porterebbe un beneficio alla pesca sportiva ma anche a quella professionale con maggiore pesce per tutti.

Continueremo a sensibilizzare la Regione sulla necessità di introdurre un concreto contenimento di Alloctoni (siluri) e ittiofagi (cormorani). Alle importanti opere ittiogeniche devono seguire concrete azioni di contenimento degli alloctoni e ittiofagi. Infine ribadiremo, per l’ennesima volta, alla Regione la necessità di nuove regole per tutelare Agoni e Lavarelli e specie ittiche autoctone in fase di crescita. Con la Regione Lombardia ci confronteremo costruttivamente su tanti temi sempre nell’interesse dell’ambiente e della pesca sportiva.

Nelle prossime settimane incontreremo anche gli amici della sezione provinciale Fipsas di Como, nei nostri nuovi diritti vi è un tratto di loro competenza (ma ora di nostra proprietà) il tratto è quello delle acque di Valbrona. Con APS Como cercheremo delle sinergie e collaborazioni per una maggiore presenza di pescatori sportivi, mantenendo inalterate le nostre peculiarità e differenze.

Per il mondo della Subacquea e apnea, dal 2019 nel nostro diritto esclusivo, zona Moregallo, introdurremo delle limitazioni per ragioni di sicurezza dei subacquei. Tale zona, oggi di nostra proprietà, diventerà una scuba - freediving point di grande interesse per i tanti appassionati. Dopo tale acquisto rafforzeremo il servizio di vigilanza ittica volontaria con un nuovo corso per guardia pesca volontari nei mesi di settembre e ottobre 2018.

Il nostro obiettivo è continuare a collaborare con la Regione Lombardia, con l’incubatoio di fiumelatte e con le Autorità tutte competenti, per una maggiore diffusione della pesca sportiva lecchese, per una maggiore presenza di fauna autoctona nelle acque della provincia e tutto ciò sempre con il massimo rispetto dell’ambiente. L’acquisto dei suddetti diritti esclusivi di pesca è una grande sfida, ci impegneremo per una pesca più responsabile, per un Lario più attrattivo e con ancora maggiore attenzione al nostro bellissimo territorio”.

 

 

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

20 Agosto 1968 duecentomila soldati del Patto di Varsavia e 5.000 carri armati, invadono la Cecoslovacchia per porre fine alla Primavera di Praga

Social

newTwitter newYouTube newFB