Lecco, 20 settembre 2017   |  

Scuola lavoro di squadra. Fiducia tra alunni, genitori e insegnanti

di Gabriella Stucchi

Il libro è molto utile e offre spunti di riflessione che andrebbero approfonditi dagli attori di questo “triangolo”: genitori, insegnanti e alunni

Scuola lavori squadra libri

Già il titolo indica il contenuto del libro, il cui autore, Mario Chiarapini, religioso dei Fratelli delle Scuole Cristiane, professore di lettere e dirigente scolastico, nella Presentazione parla della necessità di un dialogo tra gli «attori del triangolo educativo».

Nel primo capitolo l’autore suggerisce una metodologia, che viene definita apprendimento cooperativo, in quanto permette di valorizzare le singole diversità senza stravolgere la didattica e senza dover pensare a un percorso individualizzato per ciascun alunno. Ciò richiede che i docenti con la loro autorevolezza, la professionalità e la coerenza convincano i ragazzi a comportarsi correttamente, partecipando alle lezioni con impegno.

Parlando di corresponsabilità educativa si sottolinea che i genitori sono i primi educatori dei figli, rifuggendo sia dall’autoritarismo, sia dal permissivismo, puntando sull’esempio. In secondo luogo sono gli educatori, che devono svolgere la loro missione con amore per i ragazzi, chiamati a realizzare un progetto di vita. Occorre stabilire con loro e con i genitori relazioni autentiche, in un clima di corresponsabilità e collaborazione.

“Difficoltà da superare” è il titolo del III Capitolo. In primo luogo è opportuno instaurare un clima sereno, di rapporti improntati al rispetto reciproco. Sono poi riportati esempi concreti di situazioni delicate (es. la bocciatura di un ragazzo, di cui bisogna indicare la motivazione: se dovuta a disinteresse, o a indirizzo di studi sbagliato, o a lacune pregresse, o a difficoltà di apprendimento...). Mai considerare, da parte dei genitori, una condanna, ma un’occasione di ripensamento, di dialogo con i figli e con gli insegnanti, che devono lasciare sempre un filo di speranza, anche con consigli concreti sul futuro.

Seguono i capitoli in cui si indicano tipologie di genitori e di insegnanti, molto utili perché ciascuno si può riconoscere in qualcuno di questi e può cogliere i suggerimenti per superare le anomalie riscontrate, in vista di un atteggiamento costruttivo, tenendo presente che ogni alunno è unico e irripetibile, per cui va considerato nella sua identità.

Nel Capitolo “Le qualità di un insegnante”, dopo aver evidenziata l’autorevolezza come elemento fondamentale per un insegnante, l’autore ne elenca poi le qualità basilari, chiarendo i contenuti di ciascuna. La conoscenza degli alunni e la capacità comunicativa sono posti come prerequisiti. Viene poi il rispetto nei confronti di alunni, genitori e colleghi. Prudenza e senso della giustizia: essere imparziali con tutti. Equilibrio e buon senso permettono di affrontare le varie situazioni ottenendo la disciplina e conservando l’autocontrollo. Lealtà e umiltà, riconoscendo i propri limiti.

Tatto e pazienza, cioè possedere quella particolare sensibilità che aiuta a capire quando intervenire, quali strategie adottare, attendendo con fiducia il momento in cui l’azione educativa raggiunga il suo fine.

Riservatezza: un insegnante è tenuto al “segreto professionale”, ed insieme, alla disponibilità, alla dignità nel comportamento e nel linguaggio, elementi importanti di quella professionalità che richiede conoscenza della disciplina, capacità di trasmetterla con un piano di lavoro organico e ponderato, secondo le capacità dei ragazzi.

Indispensabile la fiducia reciproca: rapporto corretto e collaborazione con i colleghi, intesa tra insegnante e allievo, dialogo aperto con le famiglie, nel rispetto delle regole.

Infine l’autore auspica una “libertà di educazione” che permetta ai genitori di scegliere tra scuola statale e scuola paritaria, senza penalizzazioni sul trattamento economico.

Il libro è molto utile e offre spunti di riflessione che andrebbero approfonditi dagli attori di questo “triangolo”: genitori, insegnanti e alunni per assicurare ai ragazzi e giovani una formazione che valorizzi le capacità individuali e insieme apra la mente e il cuore alle problematiche esistenziali, con la volontà di collaborare attivamente per il bene comune.

Mario Chiaparini: Scuola lavoro di squadra –Fiducia tra alunni, genitori e insegnanti- Paoline – euro 10.50

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

23 Aprile 1956 seduta inaugurale della Corte costituzionale italiana

Social

newTwitter newYouTube newFB