Milano, 13 aprile 2017   |  

Scola: “Annunciamo il dono della fede e della comunione ecclesiale”

Le offerte raccolte durante la celebrazione vengono destinate a favore della Fondazione Opera Aiuto Fraterno.

C9SjF6iXsAMH0yn.jpg large

L’Arcivescovo di Milano, cardinale Angelo Scola, ha presieduto e concelebrato questa mattina la Messa crismale con il clero ambrosiano in Duomo. In essa sono stati benedetti gli Oli e consacrato il Crisma, destinati alle parrocchie per essere utilizzati nell’amministrazione dei sacramenti del Battesimo, della Cresima e dell’Unzione degli infermi.

Dopo aver richiamato il significato dell’Unzione con gli oli e le parole di Gesù nella Sinagoga di Nazaret riportate dal Vangelo, rifacendosi alle recenti Assemblee zonali col presbiterio diocesano e soprattutto alle parole pronunciate da papa Francesco durante la visita a Milano del 25 marzo («dono straordinario»), l’Arcivescovo si è concentrato sul valore del sacerdozio, soffermandosi in particolare sul dialogo che papa Francesco ha intessuto con preti, religiosi e consacrati in Cattedrale. Un dialogo «molto ricco di suggerimenti... che dovranno essere oggetto di lavoro personale e comunitario da parte nostra e accompagnare il cammino della nostra Chiesa». Scola ne ha evidenziati tre.

Il primo: «Per quanto travagliata possa essere la situazione socio-culturale in cui la Provvidenza ci ha chiamato a vivere il Vangelo e ad annunciarlo, il dono della fede e della comunione ecclesiale continua a costituire la principale nostra risorsa... Uomini e donne devono poter scoprire, incontrando il sacerdote immerso nel tessuto quotidiano delle nostre comunità e aggregazioni, il bene della cultura dell’incontro, anche in questa fase segnata da tremende violenze e paure».

Il secondo: «Francesco ha insistito sul servizio come “uno dei doni caratteristici del popolo di Dio”... Siamo, l’ho ripetuto varie volte, “presi a servizio”... Ricordiamoci, però, che non c’è servizio possibile senza obbedienza».

Il terzo, «diretto alle consacrate e ai consacrati, ma pure valido, con le debite distinzioni, per tutti gli stati di vita... La vita consacrata è la forma stabile, riconosciuta dalla Chiesa, di una consacrazione a titolo speciale che, attraverso la professione dei consigli evangelici, si fa confessio Trinitatis, signum fraternitatis e servitium caritatis in favore di tutto il popolo di Dio... La Chiesa non può prescindere da questa testimonianza profetica. Essa è punto di riferimento del celibato sacerdotale».

L’Arcivescovo ha concluso con un invito esplicito: «Nonostante i nostri limiti e le nostre debolezze non risparmiamoci: le donne e gli uomini di oggi ci attendono».

Le offerte raccolte durante la celebrazione vengono destinate a favore della Fondazione Opera Aiuto Fraterno.

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

11 Dicembre 1991 nasce a Maastricht l'Unione europea

Social

newTwitter newYouTube newFB