Lecco, 24 giugno 2017   |  

Rischio temporali su gran parte della Lombardia

Arpa-Smr e il Centro funzionale regionale, sulla base delle previsioni meteorologiche suggeriscono ai vari presidi territoriali di mantenere un'adeguata sorveglianza territoriale a causa di probabili rovesci che potrebbero verificarsi nel corso del fine settimana

temporale estivo

La Sala operativa della Regione Lombardia segnala che  un fronte perturbato colmo di aria fresca di origine atlantica è in procinto di transitare sulla nostra regione dai settori occidentali verso quelli orientali. Il passaggio avverrà essenzialmente nella giornata di domenica 25 Giugno, e sarà accompagnato da fenomeni temporaleschi già possibili  nella tarda serata di sabato 24. Nel dettaglio, in una prima fase individuata tra la tarda serata di sabato 24 Giugno e la mattinata di domenica 25, la probabilità di temporali forti è indicata come alta sui settori prealpini dal comasco verso est, con successivo coinvolgimento parziale dei settori di alta pianura. Nel corso delle ore successive l'instabilità sarà maggiormente concentrata sulla pianura centrale e orientale, fino al completo passaggio della linea instabile atteso per il tardo-pomeriggio e la sera di domenica 25. Si indica inoltre un netto miglioramento con ampie schiarite dal pomeriggio a partire dalle province più occidentali. Al passaggio dei temporali potranno verificarsi fenomeni come grandinate di medie
dimensioni, fulminazioni frequenti e forti raffiche di vento.
 
Allerta per rischio 'Temporali forti'  per le zone: Lario e Prealpi occidentali, province di Como e Lecco,  Orobie bergamasche, provincia di Bergamo, Laghi e Prealpi orientali, province di Bergamo e Brescia, a Milano, province di Milano, Como, Lecco, Monza e Brianza, Varese, pianura centrale, province di Milano, Bergamo, Cremona, Lecco, Lodi, Monza e Brianza, alta pianura orientale, province Bergamo, Brescia, Cremona, Mantova, Bassa pianura orientale, province Cremona, Mantova.

Sulla base delle previsioni meteorologiche emesse da Arpa-Smr e delle valutazioni condotte dal Centro funzionale regionale, si suggerisce ai Presidi territoriali di mantenere un'adeguata attività di sorveglianza, agli scenari di rischio temporali forti (rovesci intensi, fulmini, grandine, raffiche di vento) con elevata incertezza previsionale ma che potrebbero determinare effetti anche diffusi quali danni alle coperture e alle strutture provvisorie con trasporto di materiali a causa di forti raffiche di vento; rottura di rami, caduta di alberi e abbattimento di pali, segnaletica e impalcature con conseguenti effetti sulla viabilità e sulle reti aeree di comunicazione e di distribuzione di servizi; danni alle colture agricole, alle coperture di edifici e agli automezzi a causa di grandinate; innesco di incendi e lesioni da fulminazione; problemi per la sicurezza dei voli amatoriali e delle attività svolte sugli specchi lacuali; agli scenari di rischio idrogeologico e idraulico, con effetti anche diffusi legati a instabilità di versante, colate di detrito o di fango, fenomeni di erosione e cadute massi, locali innalzamenti dei livelli idrici, fenomeni di erosione spondale e possibili locali effetti di esondazione (anche dovuti a insufficienze locali delle reti di drenaggio urbano, in particolare nelle aree metropolitane), che potrebbero determinare pericolo per la sicurezza e integrità di beni e persone, come ad esempio: interruzioni della rete stradale e/o ferroviaria in prossimita' di impluvi e a valle di frane e colate di detriti o in zone depresse in prossimità del reticolo idrico; danni e allagamenti a singoli edifici o centri abitati, infrastrutture, edifici e attività agricole, cantieri, insediamenti civili e industriali interessati da frane o da colate rapide; allagamenti di locali interrati e di quelli posti a pian terreno lungo vie potenzialmente interessate da deflussi idrici; danni alle opere di contenimento e regimazione dei corsi d'acqua; danni a infrastrutture, edifici e attività agricole, cantieri, insediamenti civili e industriali situati in aree inondabili; danni agli attraversamenti fluviali in genere con occlusioni, parziali o totali, delle luci dei ponti dei corsi d'acqua minori e maggiori; danni a beni e servizi.

Si consiglia, dove ritenuto necessario, l'attivazione dell'attività di monitoraggio e sorveglianza e l'attuazione di tutte le misure previste nella Pianificazione di Emergenza locale e/o specifica.

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

17 Agosto 1840 inaugurazione della Ferrovia Milano-Monza

Social

newTwitter newYouTube newFB