Lecco, 30 maggio 2018   |  

Risanare le ferite dell’anima. Come trasformare le emozioni negative

di Gabriella Stucchi

Attraverso le riflessioni, supportate da numerose citazioni bibliche, teologiche e filosofiche, l’autore propone un cammino spirituale che non solo aiuta a superare gli aspetti negativi, ma addirittura li trasforma in energie positive.

Risanare le ferite

Tema del libro sono le emozioni che viviamo come difficili e “cattive”. L’autore, Anselm Grün, monaco benedettino dell’abbazia di Münsterschwarzach (Germania), mostra come questi sentimenti negativi possono essere sanati e addirittura diventare un’energia benefica.

La prima nota indicata è la “trasformazione”: prendere in considerazione un atteggiamento, capirne il senso, presentarlo a Dio, “rifugiarsi” nella preghiera.
Ignazio di Loyola suggerisce il metodo “discernimento degli spiriti”: la persona deve esaminare le proprie passioni con la sua ragione e nell’apertura a Dio, vagliandole e scegliendo sempre ciò che lo porta ad una maggiore libertà, pace e amore.
Teresa d’Ávila dice che anche l’amicizia è una buona via per trasformare le proprie emozioni; amicizia soprattutto con persone che hanno raggiunto la loro libertà interiore. Inoltre è utile il dialogo con chi vede il mondo come è realmente. Santa Teresa di Lisieux sottolinea l’importanza dell’umiltà per lasciare spazio all’amore di Dio.

Inizia quindi la descrizione delle “emozioni negative”, tra cui l’autore pone in primo piano l’invidia, che è anche malevolenza. Ammettere la propria invidia nei confronti di qualcuno; presentare a Dio con umiltà questa situazione e lasciar fluire l’amore di Dio nel proprio intimo permettono di avvertire una pace interiore, consapevoli che la felicità consiste non nell’avere, ma nell’essere chi si è, lasciando spazio alla gratitudine per i doni ricevuti. Nel caso di invidia tra fratelli i genitori hanno un ruolo determinante, cioè di non preferire o penalizzare nessuno.

Il raccogliersi nello spazio interiore del silenzio è un rimedio essenziale contro l’ira e la collera: cercare di imitare ciò che i Salmi ci indicano al riguardo trasformerà la collera in amore.

Con lo stesso procedimento si possono superare la rabbia, intesa anche come aggressività; l’avidità, che si può trasformare in gratitudine, verso ciò che si è e si ha.
Così per la paura. In particolare l’autore si sofferma sulla paura della morte, di fronte alla quale invita a vivere con gratitudine il tempo che resta, a pensare su quale impronta si vorrebbe lasciare in questo mondo con la propria vita.

Per la depressione, oggi molto diffusa, l’autore indica come aiuto parlarne con un accompagnatore spirituale, che aiuti ad analizzarne le motivazioni, così da trasformarla in amore per gli altri, aprendo alla speranza e alla pace interiore.

L’impazienza e la gelosia richiedono di interrogarsi sul proprio comportamento, sui motivi che le determinano: occorre suscitare fiducia nella propria vita.

Per quanto riguarda l’amarezza l’autore rimanda all’Apocalisse (8,11), in cui si dice che l’amarezza fa morire l’essere umano, ma nell’Esodo (15,22-25) è descritto come l’amaro si può trasformare in dolce. Sulla croce Gesù trasforma la nostra amarezza in un atteggiamento di accettazione.

Anche per odio e vendetta la via è presentare a Dio tali sentimenti e pregare perché siano trasformati in energia positiva, amando i nemici (Lc 6,27), benedicendo e pregando per chi parla male di noi (Lc 6,28), sentendoci misericordiosi con noi stessi, intensificando l’amore verso Dio che è anche “madre”. Lo stesso procedimento vale per tristezza, malinconia, vergogna, sforzandosi di migliorarli con l’aiuto divino.

L’autore termina rilevando come la trasformazione che si deve operare di fronte alle proprie carenze ha il culmine nell’eucaristia, in cui Dio fatto uomo in Gesù ci dona il suo amore.

Attraverso le riflessioni, supportate da numerose citazioni bibliche, teologiche e filosofiche, l’autore propone un cammino spirituale che non solo aiuta a superare gli aspetti negativi, ma addirittura li trasforma in energie positive.

Anselm Grün “Risanare le ferite dell’anima”- Come trasformare le emozioni negative- Queriniana euro18.00

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

24 Ottobre 1945 viene ratificato dai Paesi firmatari lo Statuto delle Nazioni Unite dando così vita alle Nazioni Unite

Social

newTwitter newYouTube newFB