Valmasino (SO), 15 luglio 2017   |  

Rifugio Omio: al via la stagione estiva con i nuovi rifugisti lecchesi

A quota 2100 metri è raggiungibile sia dai Bagni di Masino sia lungo il sentiero Bonatti.

rifugio omio

Il rifugio Omio

Inizia oggi la stagione estiva del rifugio Omio nella splendida Valle dell'Oro. E con l'odierna apertura, che segue i necessari lavori di manutenzione appena terminati, inizia l'avventura da gestori dei lecchesi Cristina e Graziano Gilardi.

graziano cristina omio

Cristina e Graziano in vetta al Pizzo Ligoncio

Graziano, olginatese di nascita poi trasferito a Valgreghentino, insieme alla moglie raccoglie l'eredità dalla Famiglia Fiorelli, che gestiva il rifugio Omio da quasi ottant'anni.

Il Rifugio Omio (2108 metri di quota) appartiene alla SEM -Società Escursionisti Milanesi- che lo edificò nel 1937 in memoria di Antonio Omio, perito il 16 settembre 1935 per assideramento durante la discesa dalla Punta Rasica in Val di Zocca.

Sorge al centro dell'anfiteatro della Valle dell'Oro, base ideale per ospitare corsi di roccia per le salite alla Punta Sfinge, Pizzo Ligoncio, Punta Milano, Pizzi dell'Oro, Cime del Calvo, Punta Fiorelli, Punta Medaccio.

Il Rifugio Omio è un punto strategico nelle traversate dalla Val dei Ratti, dalla Val Codera, dalla Val Merdarola, alla Val Porcellizzo, ultima tappa del Sentiero Walter Bonatti (che parte da Dubino) e della celebre Trail Running “Kima” sul Sentiero Roma.

Per raggiungere il rifugio Omio si parte, di norma, dal complesso termale dei Bagni di Masino situato a 1172 metri di quota. Il tempo di percorrenza medio è di 3 ore per una famiglia non allenata, mentre un trekker allenato può metterci 2 ore e un atleta ci può arrivare anche in 1 ora e un quarto. Il rifugio è accessibile anche dalla Val Codera, passando dal Passo Ligoncio o dal Passo dell'Oro.

Poco distante dal rifugio, a circa 15 minuti di cammino, è presente la struttura Rockylandia, ideale per l'arrampicata sportiva.

Il Rifugio Omio dispone di 30 posti letto, pertanto si consiglia di prenotare o di verificare la disponibilità.

 

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

13 Dicembre 1294 papa Celestino V abdica, compiendo il dantesco Gran Rifiuto

Social

newTwitter newYouTube newFB