Lecco, 21 maggio 2020   |  

Riapre il Ponte della Tenaglia, storica struttura lecchese

Eredita la gestione Carlo De Gasperi, per dieci anni ex gestore a Brunino

ponte tenaglia

Ha riaperto nei giorni scorsi lo storico Agriturismo Ponte della Tenaglia, appena oltre località Versasio, passato ora in gestione al trentaduenne valsassinese Carlo De Gasperi. Reduce dai dieci anni di attività presso l’Agriturismo di Brunino, sopra Balisio, Carlo ha di fatto raccolto il testimone della storica proprietaria Franca Monti.

La struttura è di quelle particolarmente conosciute ed apprezzate dai lecchesi: realizzata e gestita fin dagli anni Sessanta dal Cai Strada Storta, si colloca a pochi minuti dal piazzale della funivia per Erna e dalla Madonna della Rovinata, sul cammino per Campo de Boi e lungo il sentiero Rotary.

carlo de gaspari

Carlo De Gasperi, 32 anni

“Compiuti dieci anni tondi nel campo agrituristico con la straordinaria esperienza di Brunino – sono le parole di De Gasperi - mi sono sentito pronto per una nuova avventura. Un’avventura tutta rivolta ai lecchesi (o a chi a Lecco ci arriva in treno o in auto ovviamente) e alle loro gite della domenica. Mi piace l’idea che sia sufficiente un’oretta a piedi per arrivare qui dal centro città, o ancora che possiamo considerarci come l’ideale conclusione di una mattinata itinerante tra i luoghi manzoniani. Un approccio diverso rispetto a Brunino, insomma. La cucina? Piatti ricercati della tradizione locale, ovviamente”.

Un pensiero finale all’attuale emergenza sanitaria, che ha gioco forza rimandato di diverse settimane il passaggio di testimone e la riapertura. “E’ stato un momento difficile per tutti, ma è proprio in questi momenti che bisogna tirar fuori qualcosa di sé stessi per avere la forza di ripartire. Per quanto riguarda me – conclude Carlo - questa è la mia passione e finalmente si comincia”.

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

8 Agosto 1956 in Belgio, nella piccola città mineraria di Marcinelle, scoppia un incendio nella miniera di carbone. Moriranno 262 lavoratori di 12 nazionalità diverse, la maggior parte (136 sono italiani)

Social

newTwitter newYouTube newFB