Lecco, 09 gennaio 2017   |  

Provincia. Il Pd: ora una linea politica che consenta la maggioranza

Crimella e Cardamone: sesto seggio sfumato per un solo voto.

CroppedImage720439-flavio-polano-intervento

Flavio Polano

A poche ore di distanza dall'esito delle elezioni provinciali di Lecco, con il Pd sceso da 8 a 5 seggi, il Partito Democratico indica la strada per continuare con l'azione politica del presidente Polano.

Per Il Partito Democratico lo scrutinio di oggi ha riservato una sola sorpresa: vedere sfumare per un’inezia l’elezione del sesto consigliere nella lista Provincia Insieme. Sarebbe bastato il voto di un consigliere di Comune di prima fascia (fino a 3 mila abitanti) per raggiungere l’obiettivo atteso dei 6 consiglieri. Ciò avrebbe consentito al Presidente Polano di continuare a mantenere la maggioranza in Consiglio.

L’esito del voto si ritiene debba essere attribuito a due i fattori che, oggettivamente, hanno prodotto la contrazione dei numeri della maggioranza uscente (la matematica non è un’opinione):

1. il numero ed il peso di quei Comuni che dal 2014 ad oggi hanno registrato un cambio di maggioranza, come ad es. Colico, Mandello del Lario, Olgiate Molgora, Brivio, Bellano, Ballabio. 2. la formazione di ben due liste, collocate a sinistra di “ Provincia Insieme”, i cui elettori nella precedente tornata si erano sostanzialmente riconosciuti nella maggioranza uscente.

Da domani, archiviati i numeri, occorre delineare una linea politico-amministrativa che consenta alla maggioranza dei Consiglieri eletti di riconoscersi nell’azione del Presidente in carica Flavio Polano cui compete la responsabilità di continuare ad amministrare l’Ente tra le innumerevoli difficoltà finanziarie in cui versa, è bene ribadirlo, insieme alle altre Province italiane.

Fausto Crimella
Segretario Federazione Provinciale PD
Rocco Cardamone
Responsabile PD enti locali

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

25 Maggio 1992 a Palermo si celebrano i funerali di Giovanni Falcone, della moglie Francesca Morvillo e dei tre agenti della scorta Vito Schifani, Rocco Dicillo e Antonio Montinaro, vittime della Strage di Capaci

Social

newTwitter newYouTube newFB