Lecco, 06 maggio 2020   |  

Protezione Civile in Stazione a Lecco per gestire il flusso dei pendolari

“Per ora il numero di utenti del servizio ferroviario è ancora limitato".

assistenza protezione civile stazione lecco 3

Da lunedì 4 maggio la Provincia di Lecco, come indicato da Regione Lombardia, si è attivata per garantire un servizio di assistenza e supporto agli utenti del trasporto ferroviario in transito nella stazione di Lecco.

Il servizio è assicurato ogni mattina dalle 6.15 alle 12.00 dal sistema di Protezione civile provinciale, in collaborazione con il Comitato di coordinamento delle organizzazioni di volontariato di Protezione civile, e coinvolge diverse organizzazioni, in particolare il gruppo di Protezione civile dell’Associazione nazionale Carabinieri. Il tutto in sinergia e supporto al personale ferroviario e agli agenti della Polfer presenti nella stazione di Lecco.

Questa mattina la Consigliera provinciale delegata al Trasporto pubblico locale Agnese Massaro, il responsabile del servizio Protezione civile Fabio Valsecchi e la comandante della Polizia provinciale Raffaella Forni hanno incontrato i volontari per un primo bilancio del servizio.

“Per ora il numero di utenti del servizio ferroviario è ancora limitato – spiega la Consigliera provinciale Massaro – e il servizio di assistenza e supporto si sta svolgendo senza particolari criticità. Gli utenti sono particolarmente responsabili nell’utilizzare i mezzi di trasporto solo nei casi previsti dalla normativa, mantengono rigorosamente le distanze e sono forniti dei dispositivi necessari. I volontari sono comunque attrezzati per la distribuzione di mascherine a eventuali viaggiatori sprovvisti. Un ringraziamento particolare ai volontari di Protezione civile che si sono resi disponibili anche per questo servizio legato al trasporto pubblico, che continuerà anche nei prossimi giorni in cui si prevede un aumento progressivo dell’utenza”.

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

2 Giugno 1946 con un referendum istituzionale gli italiani decidono di trasformare l'Italia da monarchia a repubblica (12.717.923 voti contro 10.719.284). Dopo questo referendum il Re d'Italia Umberto II di Savoia lascia il Paese

Social

newTwitter newYouTube newFB