Lecco, 21 aprile 2017   |  

Primo Maggio: “Lavoro. Le nostre radici il nostro futuro”

"Sarà una giornata dedicata al lavoro, per sottolinearne l’importanza soprattutto in un periodo come il nostro, in cui troppi ne sono ingiustamente esclusi".

Primo Maggio a Lecco Cgil Cisl Uil 435 x 600

“Lavoro. Le nostre radici il nostro futuro”: è questo lo slogan del Primo Maggio organizzato da Cgil, Cisl e Uil a Lecco.

La Festa dei Lavoratori di lunedì 1 maggio, inizierà alle ore 15 in Largo Caleotto per un momento di riflessione davanti al Monumento ai Caduti sul Lavoro.
Quindi alle ore 16, in Piazza Cermenati, interverranno il sindaco di Lecco, Virginio Brivio, e alcuni delegati e delegate di Cgil, Cisl e Uil. Chiuderà gli interventi, a nome delle segreterie territoriali di Cgil, Cisl e Uil, Rita Pavan, segretaria generale Cisl Monza Brianza Lecco.

Alle ore 17, sempre in Piazza Cermenati, avrà inizio il concerto del celebre gruppo “Biglietto per l’inferno”. In caso di pioggia l’iniziativa si svolgerà allo Spazio Teatro Invito, in Via Ugo Foscolo, 42, a Lecco.

Sarà una giornata dedicata al lavoro, per sottolinearne l’importanza soprattutto in un periodo come il nostro, in cui troppi ne sono ingiustamente esclusi.

“Il lavoro è dignità, integrazione, solidarietà, possibilità di realizzazione personale - sostengono i Segretari Generali di Cgil Cisl Uil, Wolfango Pirelli, Rita Pavan, Salvatore Monteduro - per questo occorre aiutare e sostenere chi un lavoro l'ha perso, chi lo sta cercando per la prima volta, a partire dai giovani. Il 1 maggio, quindi, non è una data solo simbolica, ma un momento nel quale ribadiamo l'impegno nel territorio per lo sviluppo sostenibile, l'innovazione e dunque la possibilità di un lavoro dignitoso per tutti”.

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

28 Aprile 1940 Papa Pio XII manda un messaggio a Benito Mussolini, chiedendogli di non entrare in guerra. Galeazzo Ciano scriverà sui suoi diari: l'accoglienza del Duce è fredda, scettica, sarcastica

Social

newTwitter newYouTube newFB