Lecco, 21 settembre 2017   |  

Primo giorno di Autunno: occasione per riflettere sulla nostra vita

di Mario Stojanovic

"Siamo vulnerabili come le foglie che cadono al minimo soffio di vento, ma nello stesso tempo ciò deve portarci a pensare alle cose che veramente contano nella nostra esistenza"

WhatsApp Image 2017 09 21 at 10.31.20

Oggi, 21 settembre ,è il primo giorno d'autunno. I segnali che, anche la nostra città sta entrando in questa stagione dell'anno, sono già ben evidenti a tutti. Basta fare una piccola passeggiata sul nostro lungolago  per vedere le foglie ingiallite che lentamente cadono.

Il paesaggio naturale sta mutando colore, assumendo i classici colori autunnali che variano dal giallo al rosso vermiglio a seconda del tipo di albero. Alcuni studiosi associano al termine autunno il verbo cadere, inteso proprio come periodo dell'anno solare in cui vi è un decadimento di tutto ciò che in natura è vitale. Proprio in questi primi giorni d'autunno le ore di luce del giorno e quelle notturne sono più o meno uguali.

Questa stagione è paragonata anche alla vita umana: dopo il tempo della giovinezza e della maturità ecco affacciarsi l'autunno della vita, preludio all'anzianità in cui si vive il decadimento del corpo.

Molti artisti, poeti, musicisti e pittori di ogni epoca hanno cantato e dipinto i colori di questa stagione: da Vivaldi a Pascoli, Leopardi, Carducci e molti altri. Ma a noi cosa possono ispirare nell'animo i classici viali d autunno, ingiallti di foglie? Innanzitutto la caducità della nostra vita, cioè che siamo vulnerabili come le foglie che cadono al minimo soffio di vento. Nello stesso tempo ciò deve portarci a pensare alle cose che veramente contano nella nostra esistenza, ai valori umani come la famiglia, alla nostra fede cristiana prendendola come bussola per indicarci la rotta del nostro cammino terreno, affinché poi diventi tempo di grazia per rientrare in noi stessi.

Allora il termine autunno assumerà un significato diverso di costruzione di ciò che conta per l'anima: le foglie continueranno a cadere, altri autunni susseguiranno nei tempi niente cambierà ,ma noi dobbiamo essere proiettati dopo l'autunno della vita verso la primavera dell'anima .

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

24 Ottobre 1945 viene ratificato dai Paesi firmatari lo Statuto delle Nazioni Unite dando così vita alle Nazioni Unite

Social

newTwitter newYouTube newFB