Premana, 05 agosto 2017   |  

Premana: il Giir di Mont assegna il mondiale delle lunghe distanze

di Giancarlo Airoldi

Le 23 nazioni che competeranno lungo il percorso di 32 km e 2400 metri di dislivello.

inaugurazione giir di mont mondiale 2017 44

Oggi a Premana la cerimonia d’apertura ha dato il via alle danze dei Campionati del Mondo di corsa in montagna long distance, i quali si svolgeranno domani a partire dalle ore 8 (atleti nazionali), con gli amatori del mitico Giir di Mont a partire solamente cinque minuti più tardi rispetto ai campioni della corsa.

Le 23 nazioni che competeranno lungo il percorso di 32 km e 2400 metri di dislivello troveranno un tifo caloroso ed un’atmosfera unica al mondo per la loro disciplina, con un assaggio avuto oggi in occasione della sfilata nella località lecchese. Il più anziano vincitore del ‘Giir’ ha effettuato un suggestivo passaggio di consegne al giovane Massimo Gianola, campione italiano di corsa campestre dell’AS Premana, comitato organizzatore dei Mondiali che proprio quest’anno festeggia i 70 anni di vita (ed i 25 del “Giir”).

inaugurazione giir di mont mondiale 2017 56Un gruppo sportivo che vanta eccellenze in tutte le discipline proposte: bike, volley, climbing, calcio e appunto atletica, un luogo inoltre che per la prima volta nella storia della corsa in montagna ospita sia i Mondiali classic (svoltisi la settimana passata) sia quelli long distance di scena domani.

Al cospetto della chiesa nella piazza centrale premanese sono passate nell’ordine: Argentina, Austria, Bielorussa, Bulgaria, Canada, Colombia, Repubblica Ceca, Danimarca, Eritrea con il solo Petro Mamu, e ancora Francia, Germania, Gran Bretagna, Ungheria, Irlanda, Messico, Polonia, Romania, Slovacchia, Slovenia, Svizzera, Ucraina, USA ed Italia con la portabandiera Antonella Confortola.

Nel corso della cerimonia erano presenti il presidente dell’AS Premana Massimo Sanelli che ha detto: “Voglio ringraziare chi sta allestendo l’evento mondiale, noi dell’AS Premana siamo passione pura, con 530 iscritti di cui la gran parte sono minorenni. Pensando alla cerimonia mi è venuta in mente una storiella, quella della seconda vita dell’aquila, animale che vive circa 40 anni ma ci sono aquile che vivono fino ai 70, ce ne sono poi altre che si mettono in un anfratto rompendosi il becco, aspettano che rinasca e ripartono a volare. Noi a Premana siamo questo tipo di aquile”, il vicesindaco di Premana Domenico Pomoni, il consigliere federale Sabrina Fraccaroli, il consigliere regionale Mauro Piazza e il presidente della WMRA Jonathan Wyatt, cui è spettato l’intervento di chiusura: “Ringrazio la WMRA per il supporto a tutta l’organizzazione, tutta l’Italia in generale e Premana in particolare per aver realizzato l’impossibile. Faccio un in bocca al lupo anche agli atleti, date tutto ciò che avete”.

inaugurazione giir di mont mondiale 2017 50Ed il favorito assoluto per aggiudicarsi il titolo long distance è Petro Mamu, d’obbligo poiché l’atleta eritreo detiene anche il record del percorso. L’Italia punta invece sul campione del mondo in carica Alessandro Rambaldini e sulla freschezza di Francesco Puppi, oltre a Luca Cagnati, Nicola Spada e Gil Pintarelli, secondo al Giir nel 2016. Altri avversari degli azzurri da tener d’occhio saranno il francese Julien Rancon, il britannico Tom Owens, l’argentino Diego Simon, lo statunitense Andy Wacker e il ceco Robert Krupicka, mentre per l’oro a squadre attenzione su Italia, USA, Repubblica Ceca e Gran Bretagna.

Fra le donne la britannica Annie Conway dovrà vedersela con la trentina Antonella Confortola, Stephanie Jimenez (che ora vive a Vipiteno) è un’altra che il percorso lo conosce bene avendo vinto due volte a Premana, così come la romena Denisa Ionela Dragomir, campionessa 2015. Per non parlare di chi ha il record nel percorso, Kasie Enman. Squadre con Italia, USA, Gran Bretagna e Romania favorite.

Differita Rai Sport per gustarsi le fasi salienti della contesa domani sera dalle ore 18.15 alle 19.30.

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

20 Agosto 1968 duecentomila soldati del Patto di Varsavia e 5.000 carri armati, invadono la Cecoslovacchia per porre fine alla Primavera di Praga

Social

newTwitter newYouTube newFB