Lecco, 31 luglio 2018   |  

Ponti stradali e trasporti eccezionali, Fragomeli: lavorare per il monitoraggio

Il parlamentare Pd: si crei il sistema per raccogliere i dati del censimento delle infrastrutture

ponte crollato annone.jpg

«A due mesi dall’insediamento del nuovo Governo, è tempo di superare le grandi criticità legate alle condizioni di ponti e viadotti stradali partendo dalla mia risoluzione per la creazione di una piattaforma digitale condivisa che garantisca maggiore sicurezza e trasparenza.

Ad affermarlo è Gian Mario Fragomeli, deputato lecchese del PD, il quale spiega di aver depositato una nuova interrogazione parlamentare al fine di sollecitare l’esecutivo a dare attuazione ad una sua risoluzione approvata lo scorso anno.

«Con l’approvazione di quell’atto - continua Fragomeli - il Governo pro tempore si era impegnato a produrre, entro un anno, un sistema digitalizzato - su base regionale ma supervisionato dal Ministero delle infrastrutture e dei trasporti - con il quale poter raccogliere i dati del censimento delle infrastrutture viarie sospese come ponti, viadotti e cavalcavia, riportandovi l’anno di costruzione, la portata dell'infrastruttura, le condizioni strutturali e lo storico degli interventi di conservazione. Oltre a ciò, la risoluzione prevedeva la creazione di una struttura telematica cosiddetta “open data” che permetta la gestione, in tempo reale, delle autorizzazioni ai trasporti eccezionali consentendo agli Enti territoriali e agli altri soggetti interessati la condivisione delle richieste e dei tracciati degli eventuali percorsi autorizzati».

«I lavori di costruzione del nuovo ponte di Annone, attualmente in corso - conclude il deputato democratico - e il prossimo intervento sul cavalcavia di Isella-Civate sono certo un risultato importante. A mio parere, però, essi rappresentano anche e soprsattutto un costante monito a promuovere interventi risolutivi volti ad evitare il ripetersi di tragedie come quella vissuta ad Annone il 28 ottobre 2016».

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

23 Ottobre 1956 migliaia di dimostranti ungheresi protestano contro le influenze e l'occupazione sovietica della loro nazione (la Rivoluzione ungherese verrà stroncata il 4 Novembre)

Social

newTwitter newYouTube newFB