Vicenza, 15 maggio 2017   |  

Play Off. Finisce a Vicenza l'avventura del Basket Costa

La stagione si chiude comunque con la grande soddisfazione per la Coppa Italia di categoria conquistata.

18402353 1502603193132206 7195868438801505923 o

Finisce a Vicenza l´avventura della B&P che in questa stagione ci ha saputo emozionare e divertire fino all´ultimo. Una sconfitta onorevole che ci conferma al top della categoria dopo il grande successo di Coppa Italia.
Ma veniamo alla partita di oggi dove la Velco legge meglio nel primo tempo le nostre scelte difensive, punendo con sistematicità nelle situazioni di pick & roll. L´inseguimento ci logora e molto spesso ci costringe ad accelerare le scelte senza fortuna. Gli aggiustamenti fatti nella ripresa hanno migliorato il nostro impatto difensivo sulla gara, ma nella metà campo d´attacco le cose invece non sono mai girate con continuità. Siamo usciti dal campo con onore, continuando sempre a lottare e lasciando comunque l´impressione che bastasse poco per poter riprendere una gara che è sempre rimasta sul binario dell´equilibrio.

L´inizio ci vede subito protagonisti con la tripla di Maiorano e i bersagli di Rulli e Baldelli per un 0-7 che spaventa la Velco. Ci pensa Stoppa con il tiro da 3 punti al 24° secondo e la penetrazione a mettere in ritmo la squadra di casa; il pareggio arriva con Jakovina, ma Baldelli e Sesnic rimettono le pantere con la testa avanti. Segna Pegoraro e poi prendiamo immediatamente contropiede e così Pirola vuole parlarci su: dopo il time-out Stoppa e Nicolodi fanno le prove di sorpasso con DelPero che prova ad opporsi e così è Ferri con 4 punti a mettere la freccia grazie anche all´incursione di Pieropan. Siamo troppo frettolose e in preda all´ansia di fare canestro, mentre la Velco è più cinica con la tripla di Pegoraro e il canestro di Nicolodi.

Riprendiamo ritmo con il canestro di Mistò e la tripla di Baldelli, ma l´attività a rimbalzo delle vicentine oggi è un problema "nuovo". Il canestro in transizione del capitano e la tripla di Visconti ci portano subito 28-23 al 12´, ma la difesa non riesce a mordere anche perché spesso viene colta in contropiede. Il 32-23 a 7´ dal riposo convince la Pirola ad attingere a piene mani dalla panchina anche se il tema non cambia. Muoviamo poco la palla affondando spesso nei primi secondi dell´azione e Madonna ci crea parecchi problemi sull´altro lato. Non riusciamo a giocare palla dentro e così tocca ad un´invenzione di Del Pero e un 2+1 di Longoni il compito di metterci una pezza (39-27). La Velco con Nicolodi e Jakovina prova a farci male seriamente, ma teniamo botta con Mistò chiudendo un primo tempo dove non siamo riusciti a scioglierci.

Proviamo a cambiare la difesa sul pick&roll e la difesa finalmente da i suoi frutti con 3´ inviolati ad inizio ripresa. Non riusciamo però a farne bottino (soli 3p a referto) sprecando una ghiotta opportunità e così mettiamo in campo anche la difesa allungata. Va a segno il capitano in reverse e con il canestro di Rulli finalmente vediamo un po´ di luce. Meroni è un fattore in difesa e così il 51-40 sembra il nostro momento migliore anche perché concediamo davvero poco. Una super Stoppa è l´unica a superare il muro delle bianco-rosse e veniamo anche punite da una rocambolesca tripla di Madonna che però non ci toglie la voglia di crederci.

Ripartiamo nell´ultimo giro di lancette con un bel canestrone di Rulli e puntiamo su una difesa davvero efficace. Vicenza e però più attiva sulle palle vaganti e così ci vuole qualcosa di diverso per provare a cambiare una partita quasi "stregata": ci proviamo con la zona e la Velco spara a salve, ma dobbiamo assolutamente trovare il modo di mettere un breack (60-48). La tripla di Madonna del 73-47 ha il sapore del KO; ci proviamo fino all´ultimo con capitan Longoni che è davvero l´ultima ad arrendersi, ma ora il cronometro è crudele e le nostre chance si spengono in una giornata offensiva che non si è mai accesa veramente.

Non è il momento per bilanci, ma sicuramente una partita non può certo macchiare ciò che in questa stagione abbiamo costruito.

VELCO VICENZA
Diodati Ne, Pegoraro 3, Madonna 17, Caldaro, Stoppa 15, Jakovina 15, Nicolodi 17, Ferri 2, Zanetti Ne, Cappozzo, Pieropan 8. All. Corno

B&P AUTORICAMBI COSTA
Longoni 11, Meroni, Rulli 15, Del Pero 4, Baldelli 11, Mistò 4, Visconti 4, Sesnic 2, Tibè, Maiorano 5. All. Pirola

 

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

25 Maggio 1992 a Palermo si celebrano i funerali di Giovanni Falcone, della moglie Francesca Morvillo e dei tre agenti della scorta Vito Schifani, Rocco Dicillo e Antonio Montinaro, vittime della Strage di Capaci

Social

newTwitter newYouTube newFB