Lecco, 06 febbraio 2018   |  

Planetario: Stefano Covino svelerà i segreti dell'Universo

Protagonista della serata del 9 febbraio uno degli artefici della scoperta dello scontro tra due stelle di neutroni che ha prodotto un flusso di onde gravitazionali

img 0694 Covino

Quanto è grande l’Universo? E che forma ha? Sono le domande fondamentali che tutti, dai cosmologi più importanti ai bambini, si pongono quando pensano a tutto ciò che esiste.

Il Planetario dedica a questi due interrogativi una serata imperdibile, venerdì 9 febbraio, alle ore 21. A rispondere ai dubbi e alle curiosità del pubblico sarà un astronomo tra i più importanti del panorama italiano, da sempre conferenziere al Planetario di Lecco apprezzatissimo, oltre che per la sua profonda competenza, anche per il linguaggio semplice e accattivante con cui sa illustrare i concetti più complessi: Stefano Covino, uno degli artefici, la scorsa estate, della scoperta dell’anno, quella dello scontro tra due stelle di neutroni che ha prodotto un flusso di onde gravitazionali prontamente rilevate dagli strumenti.

Pensiamo, istintivamente, a un Universo di forma sferica che si espande in “qualcosa”, un vuoto preesistente, e che il suo raggio sia pari, in anni luce, alla sua età. Niente di più errato. L’Universo non si espande in uno spazio già presente, ed è molto più grande di quanto pensiamo. Quanto alla forma, bisogna uscire dalla prigionia del pensiero tridimensionale e alla pretesa di vedere l’Universo “da fuori”, concetto assurdo per definizione. Anche il concetto di limite, di fine e di orizzonte deve essere profondamente rivisto quando si parla dell’Universo intero.

Per pensare nel modo corretto al problema niente di meglio delle preziose indicazioni di Covino. L’ingresso costa 6 euro (intero) e 4 euro (ridotto).

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

20 Agosto 1968 duecentomila soldati del Patto di Varsavia e 5.000 carri armati, invadono la Cecoslovacchia per porre fine alla Primavera di Praga

Social

newTwitter newYouTube newFB