Cassago, 16 marzo 2019   |  

"Per questo mi chiamo Giovanni”, omaggio a Falcone

In occasione della Giornata nazionale in memoria delle vittime delle mafie va in scena a Cassago.

musicAntimafia2019 400x267

Una serata dedicata alla memoria di Giovanni Falcone, promossa in occasione della Giornata della Memoria e dell’Impegno in ricordo delle vittime innocenti delle mafie dal Consorzio Brianteo Villa Greppi in collaborazione con Atonga Sound. Si tratta di “Musica antimafia”, l’iniziativa pensata per contribuire, anche attraverso il linguaggio dell’arte, alla formazione di una coscienza civile e alla diffusione della cultura della legalità. In programma per sabato 23 marzo, l’evento porterà nella sala consiliare di Cassago Brianza lo spettacolo tra parole e musica “Per questo mi chiamo Giovanni”, a cura di Lo stato dell’arte: una pièce che unirà la recitazione dell’attore lecchese Alberto Bonacina, recentemente nominato referente provinciale dell’associazione Libera, ai brani eseguiti dalla cantautrice Sara Velardo, nel 2013 vincitrice del primo premio di Musica contro le Mafie con il suo pezzo ‘Ndrangheta.

Uno spettacolo in programma per le 21.15, preceduto dall’apericena con prodotti agricoli provenienti dalle terre confiscate alle mafie a cura dell’associazione Frecciarossa (dalle 20) e che, attraverso la storia di Falcone, vuole promuovere una riflessione circa il rapporto che abbiamo con le regole, con la libertà e la responsabilità individuale, con il rispetto della dignità della persona, fattori essenziali per migliorare la qualità dei rapporti umani e per costruire una società più giusta e inclusiva.

«La libertà – commenta Marta Comi, Presidente del Consorzio Villa Greppi – è l'elemento imprescindibile per ogni espressione artistica, senza libertà di espressione non esisterebbero le arti. Il percorso di sensibilizzazione alla legalità che promuoviamo in modo costante ha lo scopo di creare una cultura di legalità che ci aiuti a sviluppare una società più consapevole dei diritti e dei doveri di ciascuno, una società più libera, più forte e più felice».

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

15 Luglio 1099 i soldati cristiani alla Prima Crociata prendono la chiesa del Santo Sepolcro di Gerusalemme, dopo un difficile assedio

Social

newTwitter newYouTube newFB