Lecco, 06 febbraio 2024   |  

Pechino provoca Taiwan creando problemi alle rotte aeree civili

di Giuseppe Morabito

Dato il ruolo dell’isola nella rivalità tra Stati Uniti e Cina Popolare – che può essere intesa come una competizione tra democrazia e autocrazia – il voto potrebbe rivelarsi una svolta democratica in tutta l’area dell’Indo Pacifico.

Morabito2

Generale Giuseppe Morabito, membro del Direttorio della NATO Defence College

Generale Giuseppe Morabito, membro del Direttorio della NATO Defence College – Le recenti elezioni presidenziali e legislative della Repubblica di Cina -Taiwan sono significative. Dato il ruolo dell’isola nella rivalità tra Stati Uniti e Cina Popolare – che può essere intesa come una competizione tra democrazia e autocrazia – il voto potrebbe rivelarsi una svolta democratica in tutta l’area dell’Indo Pacifico.

Sebbene il Partito Democratico Progressista (DPP) abbia perso la maggioranza parlamentare a favore del Partito Nazionalista Cinese (Kuomintang, o KMT), gli elettori taiwanesi hanno scelto il candidato del DPP, Lai Ching-te come loro prossimo presidente.

Gli elettori hanno dimostrato di preferire il mantenimento di una governance democratica e un maggiore impegno con il mondo, non ultimo l’Occidente, alla sottomissione alla Cina Popolare (e, in definitiva, alla possibile riunificazione).

Non sorprende che il governo di Pechino non abbia accolto con favore la vittoria di Lai perche’ , secondo Pechino, Lai metterebbe le relazioni tra le due sponde dello Stretto in “grave pericolo”.

Altrettanto inquietante, mentre il DPP ha descritto le elezioni come una contrapposizione tra democrazia e autocrazia, il KMT ha inquadrato la scelta tra guerra o pace. E il giorno prima del voto, un portavoce del ministero della Difesa cinese si è impegnato a prendere “tutte le misure necessarie” per “stroncare” i complotti separatisti “in qualsiasi forma” e ciò ha sollevato il timore che la Cina Popolare perseguira’ la riunificazione, che il presidente cinese Xi Jinping considera una “riunificazione” inevitabilità storica’

Gli attuali problemi economici della Cina Popolare – tra cui il rallentamento della crescita, l’aumento della disoccupazione giovanile, il calo degli investimenti esteri, il calo delle esportazioni, le turbolenze del mercato immobiliare e la pressione deflazionistica – potrebbero rendere più probabile tale azione che avrebbe conseguenze di vasta portata. Per cominciare, ciò sconvolgerebbe il fragile equilibrio della rivalità USA-Cina Popolare. Gli Stati Uniti mantengono da tempo una politica di “ambiguità strategica” nei confronti di Taiwan, ma se la Cina Popolare dovesse tentare di invadere l’isola, gli Stati Uniti dovrebbero finalmente decidere: lasciare che la Cina Popolare prenda ciò che vuole o difendere la Repubblica di Cina -Taiwan, provocando un pericoloso scontro tra le attuali due maggiori potenze militari del mondo.

Poi ci sono le implicazioni economiche. Lo Stretto di Taiwan è centrale per il commercio marittimo globale: l’anno scorso è passato attraverso di esso l’88% delle grandi navi portacontainer del mondo. Inoltre, Taiwan produce oltre il 60% dei semiconduttori mondiali e oltre il 90% dei chip più avanzati. Con questo in mente, Bloomberg stima che una guerra per Taiwan costerebbe al mondo circa 10mila miliardi di dollari, ovvero il 10% del PIL, molto più della crisi finanziaria globale del 2008, della pandemia da Virus di Wuhan (meglio ricordato come Covid-19) o della guerra in Ucraina.

Fortunatamente, ci sono poche ragioni per credere che la vittoria elettorale di Lai scatenerà un’immediata invasione cinese. In effetti, la risposta di Xi al voto finora è stata in sordina ma Pechino continua con le provocazioni perche’ il Partito Comunista Cinese sostiene da tempo che la democrazia liberale è incompatibile con la cultura cinese. In questo senso, una Taiwan prospera e democratica rappresenta il peggior incubo del per i comunisti cinesi e, come hanno sottolineato molti in occidente, una Taiwan prospera e democratica è esattamente ciò che abbiamo oggi.

Come provocazione di Pechino, delle ultime ore, vi è stato l’annuncio e l’implementazione da parte della Cina Popolare di un adeguamento unilaterale delle rotte di volo in direzione sud e in direzione est nei pressi dell’isola cosa che è stata o fermamente condannata il 31 gennaio scorso dal governo di Taiwan (secondo il Ministero degli Affari Esteri di Taipei).

Senza tenere previe consultazioni con Taiwan, in conformità con le normative dell’Organizzazione internazionale dell’aviazione civile, la decisione presa dall’Amministrazione dell’aviazione di Pechino il 30 gennaio revoca di fatto l’accordo sullo Stretto del 2015 e non solo mette seriamente a repentaglio la sicurezza aerea, la pace e la stabilità nella regione, ma mina anche la fiducia reciproca e lo status quo dello Stretto di Taiwan,

Secondo Taipei il regolamento internazionale dei servizi di traffico aereo stabilisce che le modifiche a qualsiasi rete di rotte dovrebbero essere apportate solo dopo essere state coordinate con tutte le parti interessate. In questo caso, l’Amministrazione dell’aviazione civile di Taipei è l’unica autorità competente per la regione delle informazioni di volo nei pressi di Taiwan. La provocazione sta nella mancanza di consultazione preventiva da parte della Cina Popolare che viola le norme internazionali e sottolinea la sua ormai purtroppo conosciuta e consolidata natura autoritaria e, anche, irresponsabile.

Questo atto irragionevole da parte di Pechino , così come i suoi voli di sorveglianza che minacciano quasi quotidianamente lo spazio aereo di Taiwan dopo le elezioni presidenziali, significano un tentativo provocatorio di cambiamento dello status quo attraverso lo Stretto. Logico che la Repubblica di Cina – Taiwan si aspetti che la comunità internazionale presti molta attenzione alla situazione e chieda che la Cina Popolare negozi prontamente con Taiwan per gestire i potenziali rischi aerei, altrimenti dovrà assumersi la piena responsabilità per eventuali conseguenze negative sul traffico aereo.