Lecco, 09 gennaio 2018   |  

Parco Belgiojoso: l’attesa riapertura slitta alla primavera

di Rosa Valsecchi

Fondate le preoccupazioni dei cittadini per lo stop dei lavori, l’assessore Valsecchi: “Problema tecnico”

Parco Belgiojoso lavori 4

Purtroppo i cattivi presagi di alcuni residenti del rione di Castello si sono rivelati fondati: la fine dell'anno è passata e, diversamente da quanto era stato garantito, il parco Belgiojoso è ancora chiuso. I lavori sono fermi da settimane e l'attesa inaugurazione, prevista entro l'inizio del nuovo anno, è slittata di qualche mese. A spiegare le ragioni di questo ritardo è l'assessore ai lavori pubblici Corrado Valsecchi: «I lavori sono fermi a causa di una variante al progetto iniziale non ancora autorizzata del tutto. Stiamo aspettando che la direzione dei lavori dia il via libera, dopo di che il cantiere potrà riprendere». Uno stop motivato da ragioni puramente tecniche quindi, che non comporterà nessun aggravio economico ulteriore per il Comune, tranne l’allungamento dei tempi. «Il capitolato  con cui sono stati appaltati i lavori resta lo stesso - sottolinea Corrado Valsecchi -. La variante non riguarda interventi strutturali o particolarmente significativi, ma alcuni giochi e i nuovi alberi a piccolo e medio fusto che dovranno essere piantati». Una volta che ci sarà il via libera su queste modifiche, i lavori potranno finalmente riprendere, con l’obiettivo di restituire il Parco Belgiojoso al rione di Castello e all’intera città nel giro di qualche mese. «Contiamo di riuscire a inaugurare entro il mese di aprile - rivela l’Assessore ai lavori pubblici -, questo è il nuovo termine che ci siamo dati per rendere il parco fruibile in vista della bella stagione. I cittadini dovranno portare ancora ancora un po’ di pazienza, è vero, ma purtroppo le cose all’interno della macchina amministrativa spesso sono più complicate di quanto si possa pensare. Preferisco ritardare di qualche mese ma portare a casa il risultato».

Una spiegazione che l’assessore ai lavori pubblici ha ribadito anche lunedì sera durante il primo consiglio comunale del 2018, non convincendo però i consiglieri d’opposizione. «Apprendo ora che c'è questa variante su lavori partiti nel dicembre del 2016. In un anno sono stati realizzati tutti tutti i sottoservizi dell’area Expo e il comune di Lecco, in un anno, non è riuscito a sistemare il parchetto Belgiojoso. È una situazione che grida vendetta» commenta indignato Giovanni Colombo della Lega.

I lavori in effetti sono cominciati ormai più di un anno fa, dopo anni di crescente incuria che avevano lentamente e inesorabilmente ricoperto il parco Belgiojoso con una brutta patina di degrado. Altalene e giochi vecchi e rovinati, minima manutenzione del verde e panchine rotte erano purtroppo all’ordine del giorno. Una situazione inaccettabile e a cui l'amministrazione comunale aveva deciso di porre rimedio investendo su un progetto di riqualificazione totale da oltre 300 mila euro. I lavori, assegnati a novembre 2016 all’impresa Sos Verde di Napoli, permetteranno di suddividere il parco in quattro grandi aree: un’area adibita ai giochi per i bimbi, una zona relax, l’area dove è prevista l’installazione di un gazebo che possa fungere da luogo di ristoro e socializzazione, e infine l’area della fontana, al cui centro è posizionata la stele dedicata al padre del cruciverba, il lecchese Giuseppe Airoldi, restaurata di recente dopo che per anni era stata bersaglio dei vandali.

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

16 Gennaio 1916 il conte Mario di Carpegna, guardia nobile del Papa, fonda l'Associazione scautistica cattolica italiana - Esploratori d'Italia (Asci), che successivamente, fondendosi con l'Associazione guide d'Italia, si trasformerà in Associazione guide e scouts cattolici italiani (Agesci)

Social

newTwitter newYouTube newFB