Colombia, 04 settembre 2017   |  

Papa Francesco in viaggio in Colombia: “La pace diventi un obiettivo condiviso”

Il Santo Padre arriva a Bogotà mercoledì 6 settembre alle 23.30 ora italiana (le 16.30 locali), dopo 12 ore di volo

20161016171103 papa francesco ge

Il direttore della Sala Stampa vaticana, Greg Burke, ha illustrato il programma del ventesimo viaggio di Papa Francesco, il suo quinto pellegrinaggio in America Latina, durante il quale percorrerà 21.178 chilometri e pronuncerà 12 allocuzioni in spagnolo. Jorge Mario Bergoglio visiterà quattro città e ad ogni tappa è associato un tema: Bogotà (“Artigiani di pace e promotori di vita”), Villa Vicencio (“Riconciliazione con Dio, tra colombiani, con la natura”), Medellin (“Vita cristiana come discepolato”) e Cartagena (“Dignità della persona e diritti umani”).

Il Papa arriva a Bogotà mercoledì 6 settembre alle 23.30 ora italiana (le 16.30 locali), dopo 12 ore di volo, e per raggiungere la nunziatura apostolica dove pernotta percorre in papamobile 15 chilometri di strada lungo la quale sono attesi 700mila fedeli. Il giovedì 7 settembre Francesco si ferma a Bogotà, dove la mattina a partire dalle 9 (le 16 a Roma) incontra le autorità locali nella Plaza de Armas della Casa de Nariño, si reca dal presidente Santos, poi visita la cattedrale e incontra i vescovi colombiani, e nel pomeriggio, a partire dalle 15 (le 22 in Italia) dapprima incontra il comitato direttivo della Commissione dell’episcopato latino-americano (Celam) e poi celebra messa nel parco Simon Bolivar dove sono attesi 700mila fedeli.

Venerdì 8 settembre il Papa visita durante il giorno Villa Vicencio, al centro del paese, dove presiede un «grande incontro di preghiera per la riconciliazione nazionale» nel Parque Las Malocas alla presenza di vittime di violenza e di ex guerriglieri. «Il Papa – ha sottolineato Burke – ha voluto che questo evento si svolgesse in un contesto liturgico, alla luce della parola di Dio». Ci saranno le testimonianze di quattro persone e sarà presente il crocifisso rimasto dalla strage avvenuta nella chiesa di Bojayà.

In questa occasione Francesco beatifica il vescovo Jesús Emilio Jaramillo e il sacerdote di campagna Pietro Maria Ramírez. Sempre sul tema della riconciliazione, questa volta con la natura, sarà la sosta pomeridiana (sera inoltrata in Italia) alla Croce della Riconciliazione nel Parque de los Fundadores, dove inizia l’Amazzonia, che si estende in numerosi paesi latino-americani, e dove il Papa pianterà un albero a titolo simbolico. Questo, così come l’incontro con il Celam, ha sottolineato Guzmán Carriquiry, «sono i due momenti nei quali il Papa si rivolge a tutta l’America Latina, che vive un momento critico, un momento non propriamente positivo».

Sabato 9 settembre il Papa visita Medellin, nota alle cronache per il feroce cartello di narcotrafficanti. Alle 10.15 (17.15 in Italia) celebra messa nell’aeroporto Enrique Olaya Herrera di Medellín e nel primo pomeriggio incontra la locale comunità di gesuiti dell’Hogar San José e un gruppo di orfani, poi incontra sacerdoti, religiosi e seminaristi. Domenica 10 Francesco vola al nord del paese, a Cartagena, dove visita un quartiere povero e benedice la prima pietra delle case per i senzatetto e dell’Opera “Talitha Qum”, rete internazionali di religiosi contro la tratta delle persone. Francesco celebra l’Angelus e visita la casa santuario di san Pietro Claver, grande difensore dei diritti umani delle minoranze afroamericane. Lunedì 11 settembre Francesco torna in Italia, dove è atteso all’aeroporto romano di Ciampino alle 12.40.

Nel corso del viaggio, peraltro, è attesa la presenza di molti dei vescovi del vicino Venezuela, che il Papa ha recentemente ricevuto in Vaticano nel pieno della crisi politica del paese, a partire dai due cardinali: «Non è fissato un incontro formale ma sicuramente vi saranno scambi informali», ha detto Guzman Carriquiry. La Colombia «è un paese con enormi diversità etniche ed è anche il paese con la più grande biodiversità del mondo: è certo che la Laudato si’ sarà molto presente», ha detto Greg Burke.

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

22 Novembre 2005  Angela Merkel è il nuovo cancelliere della Repubblica Federale Tedesca, prima donna a ricoprire questa carica in Germania

Social

newTwitter newYouTube newFB