Milano, 19 marzo 2019   |  

Palazzo Pirelli rende omaggio alle “vite spezzate” dalla mafia

Inaugurata oggi una mostra-testimonianza sulle vittime innocenti della criminalità organizzata. 850 biografie che raccontano un dolore senza fine attraverso tempo e memoria

MOSTRAlombardiamafia

Un’onda di colori per simboleggiare la rinascita e una nuova primavera. Questo lo spirito che anima la mostra “Biografie Vittime innocenti di mafia”, promossa dalla Commissione speciale Antimafia, presieduta da Monica Forte (M5S), in collaborazione con l’associazione “Libera contro le mafie”, aperta da oggi fino a venerdì 29 marzo nel foyer di Palazzo Pirelli (ingresso libero, Lunedì-Giovedì ore 9-12.30 e 13.30-17.30; Venerdì 9-12.30).

A tagliare il nastro il Presidente del Consiglio regionale, Alessandro Fermi insieme ai componenti dell’Ufficio di Presidenza Francesca Brianza, Giovanni Malanchini, Carlo Borghetti e Dario Violi, e a Letizia Pradella di “Libera contro le mafie”.

Quasi 900 fogli di diverso colore, uniti da un filo sottile, a raccontare nomi e storie di altrettante vittime innocenti di mafia: una grande raccolta che parte da fine 1800, con l’uccisione di Giorgio Verdura, Sindaco di Bolognetta (PA) e si snoda fino ai giorni nostri, passando per don Peppe Diana, di cui proprio oggi ricorre il 35° anniversario della morte, Piersanti Mattarella, la giornalista Anna Politkovskaja, Mauro Rostagno e tante vittime “per caso”, bambini, donne di diversa provenienza, tra cui anche cittadini milanesi, di cui poco si riesce a sapere.

“Un’iniziativa molto significativa perché porta alla luce una parte oscura di mondo, che le istituzioni devono impegnarsi non solo a contrastare ma anche a far conoscere – ha dichiarato il Presidente del Consiglio regionale della Lombardia, Alessandro Fermi -. Ogni riquadro è un pezzo di storia, un frammento di vita spezzata all’interno di un grande olocausto di vittime innocenti”.

“Una mostra che non è solo testimonianza del passato, ma consapevolezza a coltivare la memoria, atto dovuto per le generazioni future – ha dichiarato la Presidente Monica Forte -.Si tratta di un racconto collettivo per non perdere la nostra identità culturale del nostro Paese. La politica non può restare indifferente di fronte e questi volti ma deve prendere coscienza che ora rinascere si può”.

L’esposizione di Palazzo Pirelli si inserisce in una serie d’iniziative di sensibilizzazione che culmineranno domani nella Giornata regionale dell'impegno contro le mafie e in ricordo delle vittime”, che all’Auditorium Gaber di Palazzo Pirelli con inizio alle ore 9.15 con la partecipazione degli studenti milanesi dell’Istituto “Einstein” e dell’Istituto “Gentileschi”, i ragazzi e le ragazze del Liceo “De Andrè” di Brescia e gli studenti del Liceo classico “Manin” di Cremona.

I lavori saranno aperti dal Presidente del Consiglio regionale della Lombardia Alessandro Fermi. Seguiranno gli interventi del Presidente della Giunta regionale Attilio Fontana e di Delia Campanelli, Direttore dell’Ufficio Scolastico regionale della Lombardia. A introdurre il tema della giornata sarà Nando dalla Chiesa, Presidente del Comitato tecnico scientifico.

A seguire un sipario musicale con la partecipazione di Kento, autore di rap, precederà le testimonianze dei giornalisti Sandro Ruotolo, Ester Càstano e Claudio Campesi.

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

24 Aprile 2008 a San Giovanni Rotondo (Foggia), la salma di san Pio da Pietrelcina viene esposta alla venerazione dei fedeli.

Social

newTwitter newYouTube newFB