Lecco, 04 ottobre 2017   |  

Ospedali lecchesi: 2300 pazienti oncologici seguiti

Le nuove diagnosi oncoematologiche sono in aumento ma è soprattutto la sopravvivenza dei pazienti oncoematologici che è migliorata grazie ai nuovi farmaci biologici.

OSPEDALE MANZONI 010

Il 7 ottobre si svolgerà, presso l’Aula Bianca dell’Ospedale Manzoni di Lecco, la consueta giornata oncoematologica lecchese, alla sua nona edizione, in collaborazione con la Rete Ematologica Lombarda e l’Ordine dei Medici.
Il tema trattato quest’anno sarà la Leucemia Linfatica Cronica e i Linfomi indolenti.

L’ Oncoematologia della ASST di Lecco cura le principali neoplasie ematologiche tra cui linfomi, mielomi e leucemie e fa parte della Rete Ematologica Lombarda di cui condivide percorsi diagnostici-terapeutici e linee guida. L’attività oncoematologica è notevolmente aumentata negli ultimi anni e attualmente sono seguiti presso il Dipartimento Oncologico circa 2300 pazienti con un aumento circa del 70% rispetto a cinque anni fa. Le nuove diagnosi oncoematologiche sono in aumento ma è soprattutto la sopravvivenza dei pazienti oncoematologici che è migliorata grazie ai nuovi farmaci biologici.

La Leucemia Linfatica Cronica è la forma leucemica più comune nei paesi occidentali e ha un incremento dell’incidenza con l’avanzare dell’età.Presso l’oncologia del Manzoni sono seguiti circa 200 pazienti affetti da tale patologia. Anche i linfomi indolenti tra cui il Linfoma follicolare sono in aumento e attualmente i pazienti in cura sono circa 350. Il decorso clinico di tali patologie è estremamente variabile e nell’ultimo decennio le acquisizioni sulle caratteristiche biologiche e genetiche di queste neoplasie hanno consentito di avere maggiori conoscenze sulla prognosi dei pazienti. Con l’avvento degli anticorpi monoclonali e dei farmaci a bersaglio molecolare è stato introdotto il concetto di immunoterapia che ha permesso di effettuare trattamenti più mirati e meno tossici rispetto alla chemioterapia convenzionale, con risultati nettamente superiori in termini di remissione e sopravvivenza.

Il convegno promosso dalla ASST di Lecco vuole fare il punto sulle nuove acquisizioni clinico-biologiche e terapeutiche nella Leucemia Linfatica Cronica e nei Linfomi Indolenti e focalizza l’attenzione su come l’ematologo, che si occupa di queste patologie, è oggi portato a nuove sfide in un inquadramento diverso, verso le grandi innovazioni terapeutiche per garantire ai pazienti una maggiore e migliore aspettativa di vita.

Al convegno parteciperà la Dott.ssa Enrica Morra, responsabile scientifica della Rete Ematologica Lombarda.

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

22 Settembre 1499 con il trattato di Basilea la vecchia Confederazione, che ha dato origine alla Svizzera, diventa uno stato indipendente.

Social

newTwitter newYouTube newFB