Oggiono, 01 agosto 2018   |  

Oggiono: Manzoni fa centro, le maratone letterarie si confermano un successo

Centocinquanta lettori si sono alternati nelle tredici postazioni di lettura

20180728 193208

Il grande entusiasmo, l’attenta partecipazione del pubblico, l’alto livello di lettura, una unanime attestazione di apprezzamento e di stima e un diffuso sentimento di spontanea “coralità” oggionese hanno caratterizzato la Maratona Manzoniana appena conclusasi.

La parola “fine” è stata debitamente pronunciata dall’ultima lettrice, l’assessore Elena Ornaghi, al termine della “Storia della colonna infame”, domenica notte nella suggestiva cornice del piazzale del Lazzaretto.

Centocinquanta lettori si sono alternati nelle tredici postazioni di lettura, nell’arco di quarantacinque ore, per far rivivere i personaggi e le vicende raccontati nei trentotto capitoli de “I Promessi Sposi” e nei sette della ricostruzione del processo agli untori.

Non sono mancati momenti di intensa emozione grazie all’eccezionale capacità dei lettori di dare voce alle infinite sfumature dei guazzabugli dei cuori umani. I costumi, elaborati dalla Sartoria del Gruppo Missioni di Valmadrera, hanno senza alcun dubbio aiutato tutti a sentirsi pienamente coinvolti nelle vicende manzoniane.

“Devo ringraziare – afferma l’assessore Elena Ornaghi - tutti coloro che hanno permesso la realizzazione di questo progetto: Acel Energie e BCC Brianza & Laghi; l’aiuto alla logistica di Dario Ripamonti, Angelo Onesti e Nicola Bizzarri; Enrico Beruschi e Gianfranco Scotti; il gruppo di cultura manzoniana “I Venticinque Lettori”, il Giardino delle Idee di Erba, i ragazzi di Stendhart; il Comune e la Biblioteca di Barzio per il prestito di edizioni storiche dei “Promessi Sposi”; il signor Paolo Cattaneo per i suoi consigli sul rispetto che si deve avere per il grande romanziere italiano; i commercianti che si sono messi in gioco a proporre i piatti manzoniani; i partecipanti al torneo di Quarantana; il Patto per la letture del Comune di Milano, che ha promosso l’iniziativa attraverso i suoi canali per la ricerca finale di lettori; la squisita gentilezza di tutti i privati, le famiglie Valsecchi, Fasoli, Caccia Dominioni, Lietti ,Teruzzi, del Campus Molinatto e di don Maurizio che hanno acconsentito e agevolato ad ospitare le letture alle ore più impensate; ogni singolo lettore per la forza espressiva con cui ha fatto rivivere il suo personaggio”.

“Quello che mi ha colpito più di ogni altra cosa – continua l’assessore Ornaghi - è stato il sorriso di tutti coloro che hanno partecipato o in qualità di Lettori o in qualità di pubblico, ed è stato bello vedere tante persone tra il pubblico seguire la lettura ad alta voce con il loro libro, magari quello degli anni del liceo ancora pieno degli appunti. Ancora in corso di maratona ricevevo, da parte di chi aveva appena letto o di chi aveva assistito ad una lettura, messaggi di gioia, di piacere, di divertimento, di soddisfazione, di commozione. Questo era il mio obiettivo: ci tenevo che questa Maratona fosse sentita, partecipata e vissuta da tutti in autentico spirito corale “manzoniano”.

E soprattutto sono contenta che con l’edizione di quest’anno si sia realizzato in pieno quello che deve essere un tratto distintivo di una maratona letteraria, il legame speciale tra lettori e auditori nel momento in cui, come in una estemporanea artistica, viene realizzata attraverso la lettura una ideale ed eccezionale mostra di un capolavoro della letteratura italiana e mondiale. Con questa maratona “I Promessi Sposi”, ispirati dall’amore che Manzoni provava per il suo/nostro territorio, ci hanno permesso di riscoprire il sentimento di affezione che proviamo per la nostra storia, il nostro paesaggio, le nostre tradizioni. E poiché si dice che tra le pagine di Manzoni si trovano le risposte a tutte le grandi domandi della vita, posso anticipare che nei Promessi Sposi c’è un enigmatico indizio sulla prossima maratona 2019”.

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

24 Ottobre 1945 viene ratificato dai Paesi firmatari lo Statuto delle Nazioni Unite dando così vita alle Nazioni Unite

Social

newTwitter newYouTube newFB