Lecco, 19 gennaio 2019   |  
Sport   |  Turismo

Nuovi gestori per il rifugio Carlo Porta ai Piani dei Resinelli

Marta e Mario Rivetti subentrano a Mauro Gaddi e Nadine Limonta con un ambizioso progetto di rilancio.

Nuova gestione Porta

Marta e Mario Rivetti; a destra Lorenzo Maritan Coordinatore della Commissione Rifugi del CAI Milano

Oggi, sabato 19 gennaio, riapre con una nuova gestione il rifugio Carlo Porta ai Piani dei Resinelli dopo che i due giovani che lo hanno gestito nel 2018 hanno deciso di passare la mano a causa di persistenti difficoltà personali.

Marta e Mario Rivetti subentrano a Mauro Gaddi e Nadine Limonta con un ambizioso progetto di rilancio dello storico rifugio, costruito e inaugurato dal CAI Milano nel 1911 e sul quale, proprio nel corso dell’ultimo anno, sono stati fatti importanti investimenti strutturali.

Due fra tutti: le stanze sono state completamente rinnovate, dotandole di nuovi letti in legno e ripristinando le perlinature mancanti; I piani primo e secondo sono stati compartimentati in modo da aumentare il confort e il risparmio energetico in caso di utilizzo parziale del Rifugio. Altri interventi hanno riguardato la sicurezza e il decoro.

Marta, dopo diverse altre esperienze, ha lavorato per molti anni al Rifugio Elisabetta in Val Veny, Monte Bianco, fino a diventarne il primo riferimento per gli ospiti, soprattutto stranieri, che affrontano ogni anno il tour du Mont Blanc. Parla fluentemente l’inglese e il francese e possiede una buona conoscenza dello spagnolo. Con la sua esperienza e con queste competenze saprà sicuramente riportare al Porta, che riassumerà, finalmente, la propria funzione di Rifugio Alpino, quei frequentatori anche stranieri amanti della Grigna e che molto sono mancati in questi ultimi anni.

Ad aiutare Marta ci sarà il padre Mario. Insegnante di educazione fisica in pensione e iscritto al CAI sin da ragazzo, Mario è stato tra i fondatori della scuola di alpinismo del CAI di Chivasso dove è tuttora istruttore di scialpinismo. Ha al suo attivo molte importanti ascensioni tra le quali la Sud dell’Aiguille Noire de Peuterey, il Grand Capucin per la via degli Svizzeri, il Cervino e molte altre. E’ quindi profondo conoscitore e amante della montagna oltre che dotato di un grande senso etico e di spiccata attitudine ai lavori manuali.

A supporto di entrambi, potrà anche esserci il marito di Marta, Gary Daines, inglese nato a Londra, attualmente residente a Chamonix dove, in estate, fa la Guida di Media Montagna mentre durante l’inverno accompagna con le ciaspole i clienti (in particolare inglesi e australiani) sia della propria che di altre agenzie, in qualità di Tour Leader.

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

21 Luglio 1927  ad Adenau (Germania) Alfredo Binda vince il 1º Campionato del mondo professionisti di ciclismo. I primi posti sono tutti italiani: seguono Binda Costante Girardengo, Domenico Piemontesi e Gaetano Belloni

Social

newTwitter newYouTube newFB