Lecco, 11 giugno 2019   |  

Novità per gli edifici scolastici lombardi: miglioramenti e innovazioni strutturali e didattiche

Previsto con priorità lo smantellamento dell’amianto. Ma anche bioedilizia e risparmio energetico. Scuole aperte alle comunità locali nel tempo libero. Le opposizioni sollevano qualche critica.

20200 1 banchi

Approvati a larga maggioranza (58 voti favorevoli e 16 astenuti) dal Consiglio regionale, presieduto da Alessandro Fermi, i nuovi indirizzi per la programmazione degli interventi a favore del patrimonio scolastico per il triennio 2019-2021 (relatore,Silvia Scurati, Lega).

Si tratta in sostanza di linee guide da seguire nel corso dei prossimi anni per migliorare la situazione degli edifici scolastici della Lombardia e garantire il miglior servizio possibile agli studenti, agli insegnanti e, di conseguenza, alle loro famiglie.

Tra gli obiettivi, lo smantellamento dell’amianto all’interno degli edifici pubblici, l’adozione di tecniche e principi costruttivi di bioarchitettura, bioedilizia e risparmio energetico, l’uso delle strutture aperto alle comunità locali anche nel tempo libero, l’innovazione della didattica e dell’apprendimento (scuola digitale, sviluppo di reti multimediali, ecc).

Il provvedimento approvato oggi, oltre a voler dunque rendere più competitiva la rete formativa ed educativa, sostenendo iniziative didattiche, sociali, culturali, sportive, ha tra le priorità interventi di edilizia all’interno di un piano di revisione del dimensionamento delle istituzioni scolastiche e dei plessi. Tra i principi ribaditi nel nuovo piano vi è anche quello dell’adeguamento alle nuove esigenze di ottimizzazione del rapporto docenti studenti. L’aumento del numero minimo di studenti per classe e la diminuzione del personale non docente richiedono maggiore attenzione all’effettiva capacità degli edifici scolastici di mantenere un numero di studenti adeguato agli standard nazionali di riferimento.

Si prosegue inoltre sulla strada del potenziamento dell’Anagrafe regionale del patrimonio edilizio, strumento efficace per l’aggiornamento costante della situazione degli edifici presenti sul territorio e del Fondo per l’edilizia scolastica. Quest’ultimo è stato istituito nel 2007 per supportare interventi di realizzazione, riqualificazione, ampliamento e adeguamento normativo e potenziamento delle dotazioni tecnologiche. A tal fine l’obiettivo è quello di prevedere sperimentazioni volte a favorire la razionalizzazione del sistema scolastico, la dismissione di sedi improprie, l’efficienza energetica, la rimozione dell’amianto, il contenimento dei costi di gestione e l’apporto di risorse provenienti da soggetti privati, il potenziamento o la nuova realizzazione di ausili didattici digitali per la didattica.

“La sicurezza e la salute dei nostri figli – ha detto Silvia Scurati - non è soltanto una priorità politica per chi amministra un importante ente come Regione Lombardia, ma è anche un dovere morale che, come rappresentanti delle pubbliche istituzioni, dobbiamo portare avanti con tutte le nostre energie. La proposta votata tratta un argomento molto delicato, quello dell’edilizia scolastica e del buon mantenimento delle strutture che ospitano l’apprendimento dei nostri ragazzi. Fondamentale è la scelta di rimuovere l’amianto ancora presente in determinate strutture. Vogliamo aumentare la sicurezza ma anche diffondere una scuola innovativa, tecnologicamente all’avanguardia e in grado di garantire standard qualitativi elevati”

Sono stati approvati tre ordini del giorni presentati dal PD (primo firmatario Paola Bocci) che invitano la Giunta a prevedere parcheggi per biciclette e collegamenti con piste ciclabili vicino alle scuole; garantire l’accessibilità e la fruizione di palestre e impianti sportivi e l’assenza di barriere architettoniche; investire le risorse necessarie per assicurare un patrimonio scolastico sicuro e adeguato alle normative vigenti.

Il voto del PD al Piano 2019-2021 è stato comunque di astensione perché come ha spiegato il capogruppo Fabio Pizzul “nonostante l’apprezzamento per l’approvazione dei nostri ordini del giorno, non possiamo che astenerci di fronte a una cronica pantomima: le linee guida oramai da anni sono fotocopie di se stesse e restano poche le risorse investite nell’edilizia scolastica”.

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

25 Agosto 1915 viene combattuta la battaglia del Col Basson, prima azione della Grande Guerra in cui gli italiani persero più di 1000 uomini

Social

newTwitter newYouTube newFB