Lecco, 28 luglio 2020   |  

"Non si usino le scuole per le elezioni di settembre"

La settimana successiva all'apertura del 14 settembre, i bambini di Lecco si troveranno a casa subito per due giorni

322192 elezioni comunali urne 854 U2005790695824D U200583042468V1 290x163IlSecoloXIX Imperia U200433593701hmF 673x320IlSecoloXIXWEB

Filippo Boscagli, Massimo RIva e Antonio Gandino, consiglieri comunali uscenti, invitano l'amministrazione comunale a trovare altre sedi di voto che non siano le scuole.

Come già fatto in diverse sedi istituzionali rinnoviamo la richiesta di verificare ogni possibilità di utilizzo di strutture diverse dalle scuole dove svolgere l'attività di seggio.

La settimana successiva all'apertura del 14 settembre, i bambini di Lecco si troveranno a casa subito per due giorni (lunedì 21 e martedì 22) con gli ovvi problemi per le famiglie che ci auguriamo possano ripartire con il lavoro proprio in quei giorni.

Ogni istituzione oltre al Comune (dagli Enti superiori alla Prefettura) deve fare di tutto per garantire che il servizio scolastico non venga interrotto, sondando ogni possibile soluzione, dal vicino oratorio alle sale comunali fino alle migliori tensostrutture della protezione civile, chiedendo alla comunità locale ogni soluzione disponibile.

Sarebbe davvero paradossale chiudere subito scuole di 700/800 alunni per il voto di 500 persone quando è possibile almeno tentare di garantire il voto lecchese per altre vie...

 

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

26 Novembre 2010 la Lombardia conclude le operazioni di passaggio al digitale terrestre insieme al Piemonte orientale. Per l'occasione, vengono lanciati due nuovi canali disponibili esclusivamente sulla nuova piattaforma televisiva, ovvero Rai 5 e Mediaset Extra

Social

newTwitter newYouTube newFB