Lecco, 29 novembre 2017   |  

Non manco di nulla perché Tu sei con me. Meditazioni

di Gabriella Stucchi

Ognuna di queste note richiede un particolare ripensamento, perché va applicata alla propria vita, sapendo che dal comportamento e dalla testimonianza di ciascuno di noi dipende la vita della Chiesa.

Non manco di nulla..

L’autore, mons. Renato Corti, nativo di Galbiate, vescovo emerito di Novara, nominato cardinale nel 2016 da papa Francesco, propone un itinerario spirituale sul tema del “buon pastore”.

Inizia con versetti del profeta Ezechiele, vissuto in un periodo difficile, quando nel 586 Gerusalemme venne abbattuta, gli abitanti deportati, tra questi Ezechiele, che esprime la reazione nei confronti dei popoli che hanno collaborato alla distruzione di Gerusalemme. La missione di Ezechiele si manifesta in seguito ad una visione, che per un certo tempo lo lascia muto, poi gli ridona la parola e gli dona “un cuore nuovo...uno spirito nuovo”.
L’autore invita a chiedersi come affrontiamo i tempi difficili...

La seconda figura è Agostino che, frequentando la predicazione del vescovo Ambrogio a Milano, è sollecitato a riflettere su tematiche fondamentali: la ricerca della verità, il desiderio di felicità, l’impegno morale, l’interiorità. Rientrato in Africa, divenuto prima presbitero e poi vescovo, riconosce in Gesù Cristo il centro della sua vita, di cui lui è discepolo, chiamato ad esercitare una grande paternità, ad essere un pastore che ogni giorno conforta la famiglia che il Signore gli ha assegnato, ad essere un punto di riferimento.

Dobbiamo chiederci, dice Corti, in quale misura siamo simili ad Agostino e al suo maestro Ambrogio, cercando “gli interessi di Cristo”, come spiega Paolo nella Lettera ai Filippesi (2,21).

La preghiera in memoria del beato card. Andrea Ferrari apre il capitolo sul tema della povertà, con riferimento a Paolo (I Cor 9, 14) e ad Agostino: “Coloro che annunciano il Vangelo, vivano del Vangelo. “La povertà – scrive Corti – indica una scelta alternativa di vita e una strada che rinnoverebbe la società e la politica, mettendo al primo posto le persone e non le cose”.

Altri richiami sono suggeriti: affidarsi a Dio, portare la propria croce, vigilare per custodire noi stessi dal male, unendo alcuni aspetti fondamentali: la preghiera, la gioia, la forza, la libertà, la discrezione, la verità, la povertà, il senso della Chiesa.

Ognuna di queste note richiede un particolare ripensamento, perché va applicata alla propria vita, sapendo che dal comportamento e dalla testimonianza di ciascuno di noi dipende la vita della Chiesa.

Renato Corti – Non manco di nulla perché Tu sei con me – Áncora – euro 11.00

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

23 Aprile 1956 seduta inaugurale della Corte costituzionale italiana

Social

newTwitter newYouTube newFB