Lecco, 02 agosto 2018   |  

Nelle stalle lecchesi mucche con i ventilatori per la troppa afa

Nelle stalle lariane si registra il-15% latte e nascite a rischio

Mucca per l 8 9 2014 980x400

Temperature che, in stalla, si avvicinano ai 40 gradi e stressano le mucche. Il risultato? Produzione di latte in calo anche del 15% e allevatori costretti a un superlavoro per cercare di dare sollievo agli animali, installando umidificatori e ventilatori nelle strutture e riprogrammando gli orari di alimentazione in modo da concentrarli nelle ore più fresche, a beneficio dei capi.

“Anche nelle stalle del Comasco e del Lecchese il caldo si è fatto sentire e, già in questi giorni, il calo di produzione del latte ha superato il 15%. Per le mucche il clima ideale è fra i 22 e i 24 gradi, oltre questo limite gli animali mangiano poco, bevono molto e producono meno latte” dice Fortunato Trezzi, presidente di Coldiretti Como-Lecco ed egli stesso allevatore. “Anche i notevoli sbalzi termici influiscono negativamente, causando anche potenziali rischi di patologie respiratorie. La tecnologia presente oggi in stalla consente di creare condizioni di benessere utili mitigare i rischi da stress da caldo, che sarebbero ancora più marcati se gli animali fossero allo stato brado”.

Dunque il grande di questi giorni, che si è fatto sentire anche nelle fattorie e nelle stalle lariane, dove le mucche stanno producendo il 15 per cento in meno di latte rispetto ai periodi normali, mentre aumenta il pericolo di aborti e il rischio complicanze per i vitellini appena nati.

Nella pianura comasca, le temperature “esterne” di questi giorni sono abbondantemente sopra i 30 gradi, e nel fine settimana è previsto un ulteriore incremento che vedrà le massime portarsi oltre i 34 e le minime oltre i 24: ciò contro una media storica stagionale che, in agosto, si attesta tra i 26 di massima e i 16 di minima, secondo le elaborazioni della Coldiretti interprovinciale. Nella Bassa lecchese, nel fine settimana la forbice sarà addirittura tra i 25 e 35 (media storica di agosto, tra i 17 e i 27).

Nelle stalle sono quindi scattate le contromisure per combattere lo stress da afa: i ventilatori sono accesi, l’acqua fresca viene nebulizzata grazie ad apposite doccine e i pasti sono serviti nelle ore più fresche per invogliare gli animali a sfamarsi e scongiurare il pericolo disidratazione.

A patire il caldo sono anche gli altri animali: i maiali, ad esempio, che mangiano meno nonostante ventilatori, doccette e impianti di raffreddamento misti con acqua e aria, mentre si segnalano difficoltà anche nei pollai dove – evidenzia la Coldiretti lariana - si sta registrando un calo di circa il 5 per cento nella deposizione delle uova.

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

19 Gennaio 2005 in Somalia,  miliziani musulmani integralisti distruggono completamente il cimitero italiano di Mogadiscio. Dietro il vandalismo probabili interessi edilizi sulla zona.

Social

newTwitter newYouTube newFB