Lecco, 03 gennaio 2017   |  

Nella chiesa di San Pio gli incontri con l'esorcista don Enrico Panzeri

di Stefano Scaccabarozzi

Da oggi nuovi appuntamenti in città con la preghiere di liberazione.

don enrico panzeri

Un nuovo esorcista per la chiesetta di San Pio a Lecco, zona Meridiana, dove periodicamente si tiene la preghiere di liberazione. Ha infatti preso servizio proprio oggi, martedì 3 gennaio, don Enrico Panzeri. Dopo 19 anni ha lasciato, per raggiunti limiti d’età, la Comunità Pastorale “S.Maria di Monte Barro” in Galbiate, Bartesate, Sala al Barro e Villa Vergano. Dal primo ottobre è residente con incarichi pastorali nella “Comunità Pastorale Madonna di Lourdes” e abita ad Acquate.

Alle ore 9 e alle ore 17 di quest'oggi si è tenuta, come detto, la preghiera di liberazione. Nulla di superstizioso, ma tutto strettamente collegato con la Parola di Dio, di cui si legge il passo di Marco nel quale si allude alla liberazione dal maligno, e la lettura di salmi, oltre all’invocazione dello Spirito santo e la preghiera del Magnificat. L’unzione con l’olio benedetto e la benedizione con l’acqua santa completano generalmente la funzione che viene accompagnata da canti.

Nella Chiesa il ministero dell’esorcista è per accogliere con fede l’invocazione di aiuto che viene da vite tormentate dal male, con una missione specifica per quelle manifestazioni del maligno che si possono esprimere anche nella possessione demoniaca.

La chiesetta dedicata a San Pio si trova sotto il campaniletto che rappresenta la struttura superstite della casa di accoglienza per ragazzi in difficoltà che costituiva l’orfanatrofio S. Giuseppe al Caleotto, che poi passò ai Guanelliani come casa di accoglienza.

L’attuale chiesetta di padre Pio è del marzo 2002. Nella costruzione del centro Meridiana (progetto del famoso architetto Renzo Piano) fu consentita la costruzione della chiesetta ed il recupero conservativo del campaniletto, che è rimasto come nella primitiva struttura dell’opera di assistenza

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

26 Aprile 1915 a Londra, Sidney Sonnino, per conto del Regno d'Italia, firma un patto con Gran Bretagna e Francia, impegnandosi ad entrare in guerra contro la Germania e l'Austria

Social

newTwitter newYouTube newFB