Lecco, 08 gennaio 2017   |  

Monte Due Mani: salvi i bivacchi e la croce sulla vetta

Primo sopralluogo effettuato dalla sezione Cai di Ballabio dopo l'incendio divampato negli ultimi due giorni.

situazione due mani post incendio 2

(Credit foto Mirco Riccardo)

I primi a salire sulla vetta del Monte Due Mani per verificare la situazione dopo l'incendio che per due giorni ha devastato la montagna, minacciando gli abitati di Ballabio e Morterone sono stati il presidente del Cai Ballabio Giuseppe “Calumer” Orlandi e Marco Anemoli. Le foto da loro realizzate testimoniano che fortunatamente né il bivacco Emanuela, né il bivacco sulla cima, né la croce di vetta sono stati danneggiati dalle fiamme. Salve anche le baite di Bongio e di Olino.

situazione due mani post incendio 1

 

 

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

24 Marzo 1882 il biologo tedesco Robert Koch annuncia la scoperta del batterio responsabile della tubercolosi (mycobacterium tuberculosis, TBC)

Social

newTwitter newYouTube newFB