Lecco, 22 maggio 2020   |  

Mons. Milani: “La gioia di tornare a celebrare con il popolo"

Ecco tutte le indicazioni per andare a Messa e prenotare il posto.

basilica san nicol 8

Da lunedì 18 maggio sono tornate le celebrazioni delle sante Messe con la presenza dei fedeli.

Dopo il “Protocollo circa la ripresa delle celebrazioni con il popolo” siglato dal presidente del Consiglio Giuseppe Conte e dal presidente della CEI cardinale Gualtiero Bassetti, il prevosto mons. Davide Milani con il consiglio presbiterale della Comunità Pastorale Madonna del Rosario ha individuato un gruppo di esperti e di operatori cui affidare lo studio delle norme e dei protocolli e la predisposizione delle procedure operative per le “messe in sicurezza”. Si tratta di un Covid Manager, Mauro Masic, di un Responsabile della sicurezza per le certificazioni (Maurizio Faravelli) e di responsabili dell’accoglienza per ogni chiesa: (Donatella Turba, San Nicolò; Matteo e Annamaria Di Noia, Pescarenico, Maurizio Monti, San Carlo al Porto; Nando Proce, Santuario della Vittoria), tutti volontari.

I sopralluoghi effettuati in queste chiese hanno determinato i numeri di capienza massima di fedeli ammessi a partecipare alle celebrazioni eucaristiche. Così si è verificato che nella chiesa di Santa Marta, tanto cara ai lecchesi, non è possibile celebrare la messa in sicurezza: la chiesa rimane aperta solo per la preghiera personale.

Gli orari delle celebrazioni sono stati rivisti per garantire l’esecuzione in sicurezza delle procedure di ingresso, uscita e sanificazione. A Pescarenico e a San Carlo al Porto sono stati mantenuti gli orari della messa vigiliare e di tutte quelle festive. Al Santuario della Vittoria le messe della domenica mattina sono state ridotte a due invece che le usuali tre. In Basilica San Nicolò è stato necessario rivedere gli orari mantenendo immutato il loro numero (vedi allegato).

Il numero massimo di posti occupabili in ogni chiesa è fortemente ridotto rispetto al solito: 200 San Nicolò, 56 Pescarenico, 33 San Carlo al Porto, 70 Santuario della Vittoria.

Visto il numero di posti limitato, per facilitare l’accesso dei fedeli ed evitare assembramenti all’esterno, è stato predisposto un sistema di prenotazione online per le messe vigiliari e festive.

L’invito a prenotare la propria presenza alla Messa (non obbligatorio, ma consigliato) se stona con la gratuità e l'invito universale dell'Eucaristia è una soluzione che permette di evitare - qualora ci fosse grande affluenza - inutili spostamenti e assembramenti fuori dalle Chiese.

Per le prenotazioni (e tutte le informazioni) occorre consultare il sito www.leccocentro.it.

La sistemazione all’interno delle chiese è stata predisposta in modalità tale che i protocolli siano rispettati.

Anzitutto sono stati identificati complessivamente 140 volontari che nelle 4 chiese, ad ogni messa, si distribuiranno per accogliere i fedeli ed indicare loro dove prendere posto.

In chiesa i posti sono ben evidenziati; i fedeli sono invitati a non muoversi dal proprio posto per ricevere l’Eucaristia; saranno i sacerdoti e i ministri straordinari a portarla; non ci sarà lo scambio della pace, né la raccolta delle offerte. Inoltre, per tutto il tempo della celebrazione si dovrà tenere la mascherina (vedi allegati con tutte le indicazioni).

Particolare cura in questi giorni è stata poi dedicata alla stesura dei protocolli di sicurezza delle singole chiese, alla formazione dei volontari dell’accoglienza e di quelli per la sanificazione, alla predisposizione del materiale informativo di facile comprensione.

La gradualità, la sapienza e l’intelligenza che viene dalla fede guideranno nei prossimi giorni le comunità parrocchiali a partecipare all’Eucaristia domenicale. Come afferma il prevosto di Lecco mons. Davide Milani “riprendere a celebrare con i fedeli non è solo un fatto organizzativo o di sicurezza. Non è nemmeno tornare a 'come eravamo': in mezzo c'è stata un'esperienza che ci ha cambiati per sempre: ci ha donato nuove consapevolezze, ci sono stati morti, malati, l'inizio di un grave impoverimento. Come cristiani abbiamo bisogno di rileggere tutto questo a partire dal modo di amare di Gesù, totale, libero, gratuito e non solo da criteri economici o sanitari. Ricevendo nel Sacramento la presenza di Cristo ci convertiremo a sua immagine e troveremo il modo di comprendere quanto ci è capitato, curare le nostre ferite, vivere al meglio la carità, essere cittadini migliori. E chi non si sente di fare questo passo verso la Messa non è oggetto di giudizio negativo: timori e paure vanno accolte e illuminate affinché svaniscano”.

Per i prossimi mesi, per chi non riesce a partecipare alla Celebrazione eucaristica, continuerà la trasmissione della Messa delle ore 10 dalla Basilica di San Nicolò Su UnicaTv, www.leccoFM.it, www.leccocentro.it.

download pdf LE INDICAZIONI PER LE SANTE MESSE

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

27 Settembre 1540 l'Ordine dei Gesuiti riceve il proprio statuto da Papa Paolo III

Social

newTwitter newYouTube newFB