Lecco, 30 luglio 2017   |  

Mons. Franco Cecchin: c’è bisogno di felicità

di Franco Cecchin

Il Prevosto di Lecco: Si è felici insieme, nella gioia e nel dolore, perché nel dolore si è compagni della sofferenza dell’altro apportandoci bene, e nella felicità, non essendoci l’invidia che tutto distrugge, c’è il bene comune.

mons. franco cecchin 3

Rispetto alle epoche passate, abbiamo raggiunto traguardi impensabili nell’ambito della scienza e della tecnica, eppure non siamo felici. Rispetto al tempo passato, abbiamo a disposizione più risorse anche nell’attuale crisi economica, eppure non siamo felici come in passato.

Perché? Non è facile rispondere a questa domanda. È opportuno prima di rispondere a questo interrogativo proporre, sia pur sinteticamente, un percorso culturale sulla felicità lungo i secoli.

La felicità è la condizione di completo soddisfacimento di tutte le proprie aspirazioni da parte di una persona e di una comunità. Il termine felicità deriva dalla parola “felice” dal latino “felicem” con la stessa radice di “fecundus”, cioè che “produce frutti, fertile e propizio”.

In base alle varie visioni di umanità, la felicità è riposta nella forza, nella contemplazione, nel piacere, nell’unione beatifica con Dio... Si registrano, anche, profonde divergenze riguardo alle vie che conducono ad essa.

Così nell’induismo e nel buddismo la via alla felicità è essenzialmente di tipo ascetico: distacco da tutti i vincoli che tengono l’anima incatenata al corpo. Nel pensiero classico (Socrate, Platone, Aristotele, Zenone, Plotino) la via più sicura per raggiungere la felicità è la filosofia: la vita beata è frutto della saggezza e la sua conquista è perciò opera esclusiva dell’impegno personale.

Nel cristianesimo la via è Gesù Cristo (cfr. Giovanni 14, 6): Lui ci ha liberato dal male e ci ha resi figli di Dio e con il dono dello Spirito Santo ci dà la capacità di amare. La salvezza portata da Gesù Cristo è per tutti ed è ad un tempo grazia e impegno personale.

Nel mondo contemporaneo che si è lasciato alle spalle oltre la via di Cristo anche le vie degli antichi filosofi greci e dei sapienti orientali, l’uomo cerca di conseguire la felicità percorrendo le vie del soggettivismo, della scienza e della tecnica, vie che lo aiutano a produrre e a consumare beni materiali, a soddisfare nuovi bisogni e a procurare nuovi piaceri, ma provocando guasti nel mondo della natura (inquinamento, effetto serra... ), nelle persone (alcolismo, droga, AIDS...) e nelle popolazioni (i ricchi diventano sempre più ricchi e i poveri sempre più poveri).

Le nuove vie liberaliste, consumistiche ed edonistiche, che ignorano la natura autentica dell’uomo, non l’avvicinano affatto al traguardo della felicità, ma lo allontanano sempre più, e trascinano molta gente verso la voragine della nausea, della disperazione, dell’angoscia e del nulla.

Questa situazione di insoddisfazione generale può portare - se si rientra in se stessi e se si è aiutati - a prendere coscienza che la felicità non è data tanto dal possesso, dal potere e dal consumo, ma dalla capacità della reciproca donazione.

“C’è più gioia nel donare che nel ricevere” (Atti 20, 35). Nel dono vi è una sovrabbondanza di ricchezza perché se tutti donano c’è sovrabbondanza di dono, se tutti tolgono ci sono povertà e conflitto. Bisogna cambiare parametri, dall’egoismo all’altruismo per poter realizzare un bene che sia stabile.

La felicità si ha soltanto nella gratuità della reciprocità. Si è felici insieme, nella gioia e nel dolore, perché nel dolore si è compagni della sofferenza dell’altro apportandoci bene, e nella felicità, non essendoci l’invidia che tutto distrugge, c’è il bene comune.

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

21 Luglio 1927  ad Adenau (Germania) Alfredo Binda vince il 1º Campionato del mondo professionisti di ciclismo. I primi posti sono tutti italiani: seguono Binda Costante Girardengo, Domenico Piemontesi e Gaetano Belloni

Social

newTwitter newYouTube newFB